Rafforzati i supporti per i titolari di 104 e le loro famiglie. Il bonus da 6 mila euro massimi sarà valido anche nel 2022 e nel 2023.

Bonus soldi Legge 104
Foto da Pixabay

La politica dei bonus sarà rivista in buona parte nel 2022. Alcune agevolazioni resteranno, altre semplicemente varieranno. Altre ancora andranno a scadenza, per essere accorpate oppure sparire del tutto. Non così per chi usufruisce delle indennità incluse nell’egida della Legge 104, riconosciute a chi soffre condizioni di invalidità e, in alcuni casi, ai loro familiari. Anzi, sembra che il Governo Draghi abbia deciso di rafforzare i supporti, sia economici che tecnici, a queste particolari categorie di contribuenti. Un’accortezza, in questo senso, riguarda il lavoro: accanto ai permessi fruibili dai caregiver, spunta una proroga per lo smart working, possibile per 12 giorni al mese fino al 31 dicembre 2021.

Ma, a partire dal 2022, anche in termini economici potrebbero arrivare significative novità. Il programma Home Care Premium, infatti, permetterà di ottenere  ulteriori agevolazioni per i disabili titolari di 104, nella misura di 6 mila euro l’anno come importo massimo. Nello specifico, l’indennità economica riguarderebbe chi supporta le persone in condizione di invalidità, valida per il triennio 2021-2023 e riconosciuta alle famiglie che hanno figli disabili. Subentra inoltre un requisito legato all’Isee.

Legge 104, l’agevolazione da 6 mila euro: come ottenerlo

L’assegno ottenibile è variabile chiaramente in base all’indicatore Isee. Si va da un minimo di 150 euro destinati alle famiglie con un solo figlio disabile (1.800 euro totali) ai 500 per i nuclei con tre disabilità fra la prole. Per un totale complessivo, quindi, di 6 mila euro. Via di mezzo a 300 euro nel caso in cui le disabilità fossero due, per 3.600 euro totali. Si tratta di un bonus richiedibile per una sola volta negli anni 2021, 2022 e 2023. Quindi, chi lo richiederà il prossimo anno, potrà usufruirne per tutta la durata senza tuttavia poterne fare richiesta per l’anno successivo. Affinché sia consentita l’erogazione non basterà essere titolari di 104 ma avere un Isee non superiore a 3 mila euro.

LEGGI ANCHE >>> Legge 104, sorpresa per titolari e caregiver: a chi spettano più di 1.000 euro

Per richiedere il bonus 104 bisognerà rivolgersi all’Inps, tramite il programma Home Care Premium. La domanda dovrà essere inoltrata telematicamente, accedendo con le credenziali Spid, Cns o Cie. Altrimenti, la pratica potrà essere espletata tramite patronato o Caf, al quale affidare la documentazione relativa alla DSU e gli estremi del verbale di invalidità Legge 104. Allo scopo, chiaramente, di certificare in modo inconfutabile il grado di invalidità riconosciuto. Possibile rivolgersi anche al contact center, al numero 803 164 (gratuito da rete fissa).