Attenzione a credere che l’essere ricchi sia basato su una miniera d’oro. Alla base di tutto c’è un’idea, un’intuizione vincente.

Ricchi soldi segreto
Foto: Pixabay

Si fa presto a dire Paperone. Vi siete mai chiesti come il papero più ricco del mondo sia diventato… il papero più ricco del mondo? Ogni autore, fin dalla sua creazione, ne ha dato una versione. Tutte, però, concordano su un punto: il mitico zione ha faticato parecchio per mettere insieme i suoi fantastiliardi. L’autore che più lo ha approfondito, Don Rosa, ha creato per lui una vera e propria vicenda personale, dalle brughiere scozzesi fino al gelo dello Yukon dove, dopo anni di sofferenze in giro per il mondo, ha finalmente iniziato la sua strada per la ricchezza.

Certo, oggi magari non si va in giro a setacciare fiumi canadesi o a cercare filoni d’oro. Ma anche i ricchi dei tempi moderni, tranne poche eccezioni, hanno iniziato da zero. Per dire, Walt Disney iniziò consegnando giornali, con un biglietto da visita e un incontro fortunato con Ub Iwekers. Jeff Bezos chiese un finanziamento per fondare l’azienda, Warren Buffet fu rifiutato ad Harvard… Non è vero, quindi, che occorre necessariamente la proverbiale “base” per essere qualcuno. Certo, sicuramente aiuta. Soprattutto al giorno d’oggi, in cui è più difficile costruire dal basso. Questi esempi, però, rappresentano un bell’incoraggiamento per chi vuole provarci.

Come si diventa ricchi: il vademecum dei paperoni del Duemilaventi

Si tratta sostanzialmente di due strategie. Alla base dell’essere ricchi non c’è per forza una miniera d’oro. Anzi, la premessa fondamentale è il lavoro. Ad esempio, se un professionista guadagna in base alle prestazioni lavorative, la bravura dovrebbe essere retribuita in modo proporzionale. Chiaramente, importante è anche il lavoro dei collaboratori. Ad esempio, Jeff Bezos basa la sua ricchezza anche sul mare magnum di lavoratori di Amazon. Altra possibilità, “far lavorare le cose”, ovvero le macchine. Ma c’è anche la possibilità di investire nei mercati finanziari, dove l’abilità e una certa predisposizione agli affari diventa fondamentale. In queste sedi, poche centinaia di dollari possono diventare milioni. Basta saper far correre il denaro.

LEGGI ANCHE >>> Come si vince al SuperEnalotto: le strategie più usate per diventare ricchi

Le azioni e gli Etf consentono, in buona sostanza, di seguire la stessa strada di personaggi come Buffet, arricchitisi grazie alla Borsa. Ma se la finanza non è per noi, si potrebbe fare come Walt Disney: avere un’idea, un sogno, un obiettivo. Il segreto è l’intuizione e si tratta di un requisito universale. Alla base c’è una domanda: quale prodotto o servizio potrebbe creare, e quindi soddisfare, un bisogno. Il quesito che ha permesso ad Amazon di essere quella che è. Stesso discorso per l’imprenditoria edile. Lavorare e far lavorare le cose per noi. Alla base di tutto c’è il lavoro, chiaro, affiancato da un’idea vincente e dalla voglia di sperimentarla. Certo, poi subentra un po’ di fortuna. Quella fa parte del gioco.