Strumento oggigiorno indispensabile, il codice Pin non è esente da inconvenienti. Qualora lo si dimentichi, però, di procedure di recupero ne esistono diverse. 

Codice Pin recupero
Foto © AdobeStock

In un mondo ormai sempre più dominato dai pagamenti tracciabili e da quelli veicolati attraverso l’online, il codice Pin è diventato uno strumento indispensabile. Inizialmente connesso, nell’immaginario collettivo, al prelievo dei propri soldi da uno sportello bancomat, si è via via trasformato nel principale veicolo di transazione. Soprattutto oggi, con carte di credito e bancomat vari che rappresentano il mezzo principale attraverso cui si effettuano pagamenti di ogni sorta, a volte anche in contesti che finora prediligevano l’uso dei contanti.

Solitamente non è difficile ricordarlo. Appena cinque cifre, sempre le stesse, usate talmente spesso che le nostre dita arrivano a digitarlo prima ancora che il cervello, effettivamente, si metta in moto per ricordarsele. Ma non è sempre tutto rose e fiori. A volte, magari perché non si utilizza spesso una carta o per chissà quante altre problematiche, può capitare di aver difficoltà a memorizzare le cifre o di dimenticarne qualcuna. Un inconveniente ben più comune di quanto non si pensi ma che non comporta grosse difficoltà nel porvi rimedio.

Come recuperare il Pin: i rimedi più semplici

Non si tratta, naturalmente, di soli rimedi ortodossi (come scriverlo su un pezzo di carta e tenerlo con sé, oppure creare una cartella coi codici principali sul proprio pc) e non sempre sicuri. Qualora ci si dimentichi il Pin della nostra carta di credito, ad esempio, esistono delle procedure apposite, regolamentate e del tutto sicure, che consentono al solo interessato di visionare e quindi utilizzare il nuovo codice. Soluzioni, quindi, più elaborate di un semplice promemoria su carta ma comunque più sicure dei cosiddetti “fogli volanti”. Gli interlocutori, in questo caso, sono gli stessi istituti di credito che hanno rilasciato la carta.

LEGGI ANCHE >>> Ottobre, cade la prima foglia: addio al Pin, l’Inps cambia tutto

La procedura di recupero è attivabile tramite funzioni online di facile utilizzo, che puntano sia a farvi dimostrare di essere effettivamente i possessori della carta  che ad agevolare le operazioni di recupero. Basterà accedere al conto online, qualora si disponga di un servizio home banking, inserire i dati richiesti e attendere di ricevere un nuovo Pin. Va peggio se a essere smarrita dovesse essere la carta in sé. Meglio telefonare direttamente in banca e seguire le istruzioni degli operatori: il servizio clienti, in questi casi, è il rimedio più sicuro ed efficace.