Una misura che fuga ogni dubbio: Bollo auto gratis per cinque anni ma solo per coloro che possiedono veicoli elettrici. Un incentivo alla transazione green.

Bollo auto
Foto © AdobeStock

Il fatto che si tratti di una tassa regionale, non manca di creare qualche equivoco sul Bollo auto. Non è sempre detto, infatti, che le notizie circolanti in merito alla tassa sul possesso dell’auto riguardino la sfera nazionale. Questo, pochi mesi fa, aveva per esempio portato a ritenere che fra le misure pensate per contenere gli effetti della crisi vi fosse addirittura la sua cancellazione. Niente di tutto questo. Alcune regioni avevano infatti disposto delle riduzioni ad hoc, mentre la politica di taglio delle cartelle esattoriali più datate aveva portato sì alla cancellazione, ma solo delle tasse inevase più vecchie, comprese fra l’anno 2000 e 2010 e solo entro una certa soglia reddituale.

In realtà, però, un’altra agevolazione in merito c’è. Il Bollo auto, infatti, per alcune categorie di automobilisti potrebbe essere gratuito, almeno per i primi cinque anni dall’immatricolazione. Un “bonus”, di fatto, limitato però solo a determinati veicoli ma che va ad affiancarsi a una politica di esenzione che già riguarda alcuni contribuenti, come i disabili. Come detto, però, trattandosi di una tassa regionale saranno gli stessi enti regionali a determinare eventuali ulteriori motivi di esenzione.

Bollo auto, ecco per chi è gratis per i primi cinque anni

Per quanto riguarda il Bollo auto gratis per i primi cinque anni, ben 18 Regioni su 20 hanno adottato tale soluzione. La gratuità scatta fin dalla data della prima immatricolazione. E, decorso tale periodo, arriverà una riduzione del 75%. A patto, naturalmente, che si rientri nella categoria di beneficiari previsti dalla normativa generale. Nello specifico, ci si riferisce agli automobilisti che possiedono veicoli elettrici. In pratica, una categoria limitata ma una mossa che rappresenta indubbiamente un incentivo all’acquisto di veicoli a basso consumo e impatto ambientale limitato.

LEGGI ANCHE >>> Come evitare di pagare il bollo auto: quattro soluzioni da conoscere

Qualora si possedesse un veicolo immatricolato a ottobre 2021, quindi, il Bollo auto sarà gratuito fino al 2026, per poi procedere sì al pagamento ma con una decurtazione sensibile. Se, ad esempio, si dovesse pagare un bollo di 300 euro, il totale da versare non supererà i 75. Una misura concorde praticamente in tutte le Regioni italiane, che puntano forte sulla transazione green, come del resto anche il governo centrale. Solo due territori fanno eccezione, ovvero il Piemonte e la Lombardia, ma solo perché qui il Bollo auto gratis per i veicoli elettrici è già tale. E lo è per sempre.