Spesso chiudere il proprio conto corrente per aprirne uno nuovo conviene. Ecco quali possono essere i 3 motivi per cui fare questa scelta.

conto corrente chiusura
Foto © AdobeStock

Il denaro non garantisce la felicità ma aiuta a risolvere un bel po’ di problemi. A partire dalla spesa settimanale fino ad arrivare alle varie necessità quotidiane, d’altronde, sono davvero molte le volte in cui ci ritroviamo a dover mettere le mani nel portafoglio per pagare i vari beni e servizi di nostro interesse. Proprio per questo motivo è sempre bene prestare attenzione ai propri risparmi, cercando sempre di scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Ne è un chiaro esempio la scelta del conto corrente che, in alcuni casi, può rivelarsi più difficile del previsto. Non tutti i conti, infatti, sono uguali. Se tutto questo non bastasse, anche una volta aperto, può capitare di accorgersi che vi siano delle soluzioni più convenienti. Ebbene, in tale circostanza conviene chiudere il proprio conto e aprine uno nuovo. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quali possono essere i tre motivi per cui fare tale scelta.

Conto corrente, ecco 3 motivi per chiuderlo e aprirne uno nuovo: cosa c’è da sapere

Gli strumenti di pagamento sono in continua evoluzione, tanto che a breve potremmo addirittura dover dire addio all’utilizzo del contante e ai prelievi da conto corrente. A proposito di quest’ultimo, inoltre, è sempre bene ricordare che la relativa scelta è più importante di quello che si possa pensare. Proprio sul conto, infatti, depositiamo i nostri risparmi ed effettuiamo varie operazione di pagamento.

Non stupisce, quindi, che scegliere la soluzione più adatta sia spesso difficile. Se tutto questo non bastasse, anche una volta aperto, può capitare di accorgersi che vi siano delle soluzioni più convenienti. Proprio in questa circostanza, quindi, conviene chiudere il proprio conto e aprine uno nuovo. Entrando nei dettagli, ad esempio, tra i tre motivi che possono spingere a fare tale scelta si annoverano:

  • Costi e commissioni. Quest’ultimi si rivelano essere, senz’ombra di dubbio, uno dei principali motivi per cui una persona può decidere di chiudere il proprio conto per aprirne un altro. I conti correnti online, ad esempio, presentano costi più bassi rispetto a quelli applicati dalle banche tradizionali. Allo stesso tempo è bene confrontare tutti gli altri costi e commissioni applicati, come quelli per prelievi e bonifici, in modo tale da optare per la soluzione più conveniente.
  • Qualità del servizio clienti. Grazie alle nuove tecnologie, ormai la maggior parte delle operazioni vengono effettuate online. Se, in caso di problemi, riuscire a parlare con un operatore della banca risulta alquanto complicato o comunque richiede tempi molto lunghi, allora è opportuno cambiare istituto di riferimento.
  • Qualità dei servizi web. Come risaputo, grazie al banking online è possibile effettuare un gran numero di operazioni in modo facile e veloce. Non tutte le banche, però, presentano dei servizi adeguati. Anzi, sono molti coloro che si lamentano spesso di dover fare i conti con siti spesso in manutenzione o comunque non adeguati. Ebbene, proprio in questo caso può rivelarsi opportuno cambiare banca e aprire il proprio conto corrente altrove.

LEGGI ANCHE >>>  Green Pass obbligatorio, nuova stretta: quanto costa fare i tamponi per andare a lavoro

Spesso, quindi, chiudere il proprio conto corrente per aprirne uno nuovo conviene.  È bene, pertanto, stare attenti ai vari costi e servizi della propria banca per capire se idonei, oppure se vi sono delle soluzioni più adatte alle proprie esigenze.