Un amico del titolare del conto corrente può fare delle operazioni oppure no? Entriamo nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

amici soldi conto corrente_
Foto © AdobeStock

I soldi non garantiscono la felicità, ma aiutano, senz’ombra di dubbio, a risolvere un bel po’ di situazioni problematiche. A partire dall’alimentazione fino ad arrivare alle bollette, in effetti, sono davvero molte le spese da dover puntualmente sostenere. Se tutto questo non bastasse, l’impatto del Covid sull’economia ha portato a dover fare i conti con uno stato d’incertezza, che spinge sempre più persone a prestare una maggiore attenzione al mondo del risparmio. Sempre più famiglie, pertanto, decidono di tenere i propri soldi fermi sul conto corrente.

Proprio quest’ultimo si rivela essere il posto sicuro dove poter lasciare i propri risparmi. Grazie all’utilizzo dei nuovi servizi web, inoltre, è possibile compiere le varie operazioni in modo facile e veloce. Non tutti, però, sono propensi a farlo, decidendo quindi, ad esempio, di chiedere aiuto a un amico per fare dei trasferimenti elettronici di denaro. Ebbene, proprio in questo ambito sorge spontanea una domanda: un amico del titolare del conto corrente può fare delle operazioni oppure no? Entriamo nei dettagli e vediamo tutto quello che c’è da sapere in merito.

Conto corrente, un amico può fare operazioni? Ecco cosa c’è da sapere

Come vi avevamo già accennato qualche tempo fa, spesso i soldi del conto corrente finiscono per attirare l’attenzione del governo. Non parliamo, soltanto, della tanto temuta patrimoniale, ma anche della necessità di combattere l’evasione fiscale. Proprio in tale contesto si inseriscono i controlli del Fisco, che scattano, in genere, in presenza di alcuni movimenti sospetti, compresi quelli con parenti e amici.

A proposito di quest’ultimi, sono in molti a decidere di affidarsi ad un amico per ricevere o fare dei trasferimenti elettronici di denaro, in quanto poco avvezzi nell’utilizzo di tale funzionalità. Proprio in questo ambito, quindi, sorge spontanea una domanda: un amico del titolare del conto corrente può fare delle operazioni oppure no? Ebbene, bisogna sottolineare che un amico del titolare del conto corrente non viene riconosciuto dalla banca come legittimo utilizzatore del conto.

Questo vuol dire che un amico non può, ad esempio, prelevare denaro al posto del titolare del conto. La responsabilità sul corretto utilizzo del conto corrente, d’altronde, spetta all’intestatario, compresa la conservazione delle credenziali per effettuare le operazioni. È facile quindi intuire che un amico del titolare del conto non viene riconosciuto dalla banca come legittimo utilizzatore del conto.

LEGGI ANCHE >>>  Green Pass obbligatorio, nuova stretta: quanto costa fare i tamponi per andare a lavoro

Questo a meno che non abbia ricevuto un’espressa delega bancaria su conto corrente che assegni la facoltà di operare. A tal fine non bisogna fare altro che presentarsi presso l’istituto di riferimento con il delegato e sottoscrivere l’atto di autorizzazione in cui vengono precisati quali operazioni può effettuare e con quali limiti. Operare sul conto di un amico, quindi, è possibile ma solamente se in possesso di apposita delega.