Novità per quando riguarda il prelievo da libretti postali ma anche il tasso lordo. Poste comunica i dettagli e anche l’indirizzo da seguire.

Tassi libretti postali
Foto © AdobeStock

Attenzione sempre massima, anche in periodi di apparente calma. E’ una regola non scritta ma che è bene tenere sempre in grande considerazione, specie se si parla di strumenti di risparmio come i Libretti postali. Un’opportunità di deposito messa a disposizione da Poste Italiane, vantaggiosa e adatta a qualsiasi risparmiatore, giovane o più maturo. Con una piccola variabile alla quale fare attenzione. Poste, infatti, più volte invia ai propri correntisti delle comunicazioni circa delle modifiche contrattuali. Fogli su fogli che, molto spesso, archiviamo per poco tempo e poca voglia di leggere a fondo.

Eppure, come riferisce Trading.it, la novità stavolta è di quelle importanti. Più che altro perché le condizioni in variazione risulterebbero migliorative in riferimento al prelievo agli sportelli. Ma occhio anche alle comunicazioni sulle variazioni del tasso lordo applicato ai libretti di risparmio. Questa potrebbe essere davvero un’informazione decisiva per capire se l’apertura (o il mantenimento) conviene o meno. Una comunicazione in merito è stata diramata il 6 agosto scorso e annuncia importanti nuove.

Libretti postali, attenzione ai tassi: cosa ha comunicato Poste

Come detto, nel messaggio inviato ai correntisti Poste Italiane ha reso noti i tassi lordi applicati ai libretti. Nello specifico, lo 0,001% per quelli ordinari normativi e giudiziari; 0,01% per i nominativi speciali, ovvero dedicati ai minorenni; infine, 0,001% sugli smart. Tasso annuale dello 0,40%, invece, per l’offerta supersmart a 360 giorni. Sul proprio sito ufficiale, Poste ha disposto comunque tutte le informazioni essenziali che, magari, non abbiamo letto sulla comunicazione cartacea. In questo momento, sembra proprio la supersmart a farla da padrone, considerando a quali tassi si va incontro. I titolari, infatti, potranno prelevare senza carta libretto dal 25 settembre al 3 ottobre 2021 e dal 23 ottobre al 3 novembre 2021.

LEGGI ANCHE >>> Libretti postali, il risparmio inizia da piccoli: quanto possono fruttare

E qui si arriva alla seconda novità, quella riguardante i prelievi. I tassi bassi sono un leitmotiv degli ultimi tempi, in quanto la crisi economica innescata dalla pandemia non ha permesso di rivederli al rialzo. Anche per questo una Supersmart a 360 giorni, con tasso a 0,40%, risulta più vantaggiosa. Per quanto riguarda il limite di prelievo, la comunicazione precisa che, in caso di operazione in uffici postali diversi da quello di apertura, il limite sarà di 1.500 euro.