Quanto denaro contante è bene avere a portata di mano? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

denaro contante
Foto © AdobeStock

I soldi non sono garanzia di felicità, ma aiutano senz’ombra di dubbio a risolvere un bel po’ di problemi. Ogni volta che desideriamo acquistare un prodotto o servizio, infatti, dobbiamo necessariamente mettere mano al portafoglio. Non crea stupore quindi il fatto che proprio il denaro finisca spesso per essere oggetto di discussione.

Se tutto questo non bastasse, la recente crisi economica, provocata dal Covid, costringe molte famiglie a dover fare i conti con una difficile gestione finanziaria. Sono sempre più pertanto le persone a volgere un occhio di riguardo al mondo del risparmio. Ma quanto denaro contante è bene avere a portata di mano? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Soldi, quanto contante è bene avere a portata di mano: tutto quello che c’è da sapere

Prima o poi capita a tutti di porsi delle domande in merito alle gestione del proprio denaro. In particolare sono in molti a voler sapere quanto denaro contante è bene avere a portata di mano. Ebbene, come è facile intuire non esiste una risposta univoca e il tutto dipende, oltre che dalla propria disponibilità economica, anche dalla situazione con cui ci si ritrova a dover fare i conti.

Oltre ad un piccolo fondo a cui attingere in caso di emergenza, infatti, è bene avere a propria disposizione del denaro contante, la cui quantità dipende fa molteplici fattori, quali lo stato attuale del mercato e i principali eventi della vita. Come sottolineato da Michael Taylor, CFA, vice presidente – analista di Wells Fargo Investment Institute, infatti: “Non c’è davvero una regola generale in termini di numero. Diciamo che non dovrebbe essere più del 10% del tuo portafoglio complessivo o forse da tre a sei mesi di spese di vita“.

Le cinque situazioni da prendere in considerazione

Entrando nei dettagli, inoltre, Taylor e Marcel Hamburger, vice presidente e responsabile degli investimenti per Wells Fargo Advisors, come si evince da Wall Street Italia, hanno individuato cinque situazioni che dovrebbero portare a chiedere un consiglio ad un esperto del settore, in modo tale da sapere quanto denaro contante avere a portata di mano. In particolare le circostanze da non sottovalutare sono le seguenti:

  • Mercato in fluttuazione. Lo stato del mercato può avere una grande influenza sulla quantità di liquidità da dover avere a portata di mano. Questo si verifica soprattutto se  si prevede di effettuare un grande acquisto come una casa per le vacanze o un veicolo di lusso. A tal proposito Taylor consiglia di pianificare “questi acquisti, o rinviali in modo da non dover liquidare le attività in perdita durante l’incertezza del mercato“.
  • Novità a lavoro. Nel caso in cui si stia pensando di avviare un’attività, oppure si sia prossimi al pensionamento o di fronte a un possibile licenziamento, è bene chiedere consiglio a un consulente patrimoniale.
  • Matrimonio o divorzio. Convolare a nozze costa in media 30 mila dollari. Cifra indubbiamente non indifferente, che spesso non comprende i costi necessari per la luna di miele o le spese per mettere su casa. Allo stesso tempo anche divorziare può costare caro. Per questo motivo si tratta in entrambi i casi di situazioni in cui è bene avere a portata di mano un bel po’ di denaro.
  • Istruzione dei figli. In genere il costo medio per frequentare un college privato per quattro anni è pari a circa 200 mila dollari annui. Un prezzo che aumenta se si prendono in considerazione altri fattori come le tasse scolastiche, le spese di soggiorno e altre spese accessorie.
  • Somma improvvisa di denaro. Se invece ci si dovesse ritrovare inaspettatamente in mano una somma consistente di denaro è bene agire con calma. Se ad esempio si riceve un’eredità oppure un bonus generoso, allora potrebbe rivelarsi opportuno rivolgersi a un consulente finanziario. Quest’ultimo potrà così fornire informazioni utili sulle opzioni di investimento più adatte.

LEGGI ANCHE >>> Donne e uomini nel mondo del lavoro: la disparità è nei guadagni

Come è facile intuire sono tante le situazioni in cui si rivela necessario avere a disposizione un bel po’ di denaro contante. Allo stesso tempo ogni situazione è una cosa a sé e per questo motivo non è possibile stabilire a priori quanto denaro contante bisogna avere. In caso di dubbio, quindi, si consiglia di rivolgersi a un esperto del settore, in grado di trovare la soluzione più adatta in base alle proprie esigenze.