Sempre più persone lamentano stanchezza mentale e fisica continua. L’OMS ha indentificato una sindrome come specifica causa della fatica e della demotivazione.

stanchezza fisica e mentale
Adobe Stock

I giorni passano e la stanchezza ci accompagna senza mai abbandonarci. Fatica, demotivazione, spossatezza, chi si riconosce in questi sintomi potrebbe soffrire di una sindrome che è stata identificata dall’Organizzazione Mondiale della sanità come causa di questi effetti devastanti per un corretto svolgimento della vita quotidiana. Vivere in una costante condizione di ansia e stanchezza mentale e fisica è sconfortante e manifesta una situazione da correggere il prima possibile.

Cosa accade al nostro corpo?

Può capitare di sentirsi stanchi e annebbiati, di aver voglia di un cambiamento ma di rinunciare per la fatica che si sente al solo pensare di provare di avviare un nuovo percorso. Se questa sensazione è sporadica e combacia con un periodo stressante può essere facilmente superabile una volta risolte le problematiche alla base dello stress. Per tante persone, invece, non si tratta di una condizione rara ma di un persistere dei sintomi di stanchezza fisica e mentale, ansia, demotivazione.

In questo caso si potrebbe soffrire di una sindrome chiamata Pandemic Fatigue causata da una sensazione di stress prolungata nel tempo. La pandemia ha imposto una rielaborazione della propria vita in un momento in cui si correvano grandi rischi per la propria salute. Questa situazione di ansia e frustrazione sta durando ormai da molto tempo e la stanchezza comincia a farsi sentire.

Cosa provoca la Pandemic Fatigue oltre alla stanchezza fisica e mentale

La Pandemic Fatigue provoca in primis stanchezza fisica e mentale. La mancanza di obiettivi, l’impossibilità di vivere sani rapporti sociali, la paura di prendere un virus che si è dimostrato letale in tanti, troppi, casi ha causato tante problematiche, dalla perdita di ogni tipo di interesse all’ansia del trovarsi in luoghi affollati.

In più, la Pandemic Fatigue può associare alla stanchezza e all’ansia degli stati di rabbia, nervosismo o reazioni eccessive. Aggiungiamo, poi, la perdita di lucidità, di sicurezza e di fiducia negli altri oltre alla sensazione di perdita del controllo sulla realtà. I danni provocati da queste sensazioni e stati d’animo possono essere rilevanti. Si pensi che il Bambin Gesù ha riferito un notevole aumento dei casi di tentato suicidio in seguito alla pandemia.

Leggi anche >>> Astinenza da caffè: i terribili effetti sulla salute se non si beve più

Come guarire dalla Pandemic Fatigue?

Il primo passo per superare la Pandemic Fatigue è rendersi conto di soffrire di una sindrome che genera ansia e stanchezza fisica e mentale. Riconoscere il problema è il primo atto verso la guarigione a cui deve seguire un percorso fatto di autoanalisi, di riflessione sui sentimenti che si provano, sulle paure e sui desideri futuri.

Discernere ciò che spaventa da ciò che appaga è fondamentale per liberarsi dai pensieri negativi. Circondarsi di persone positive che aiutano ad affrontare serenamente il ritorno alla normalità è fondamentale. Stabilire nuove routine e nuovi obiettivi può essere utile per avere la sensazione di riprendere in mano la propria vita. Nel frattempo è consigliabile limitare l’ascolto delle notizie provenienti dai social e dai media per alleggerire il carico di tensione psicologica sulle spalle.

Qualora questi accorgimenti non risultassero sufficienti per dire addio alla continua stanchezza mentale e fisica sarebbe preferibile rivolgersi ad uno specialista per lasciarsi guidare fuori dalla galleria di fatica, ansia, demotivazione e sfiducia.