La classifica stilata in base alle più recenti dichiarazioni dei redditi forse riserverà qualche sorpresa. Ecco i politici più ricchi del nostro Paese.

Politici Parlamento guadagni
Foto © GettyImages

“Il potere logora chi non ce l’ha”, disse Giulio Andreotti nel lontano 1951. Che sia vero o meno, in fondo non è così importante. Quello che conta, semmai, è un altro dato di fatto: la politica rappresenterà sempre un elemento di discussione. Perché è nella sua natura che sia così. Difficile che l’operato di un rappresentante politico possa mettere d’accordo tutti i cittadini. Anche perché, nell’ideale comune, accanto alla responsabilità della guida del Paese si associa ai politici anche un discorso economico. Senza che, in molti casi, si abbia effettivamente contezza di quanto si possa effettivamente guadagnare con questa vita.

Una classifica c’è per quanto riguarda il nostro Paese. Perché si tratta di un quesito sempre attuale, specie di questi tempi, in cui alla classe politica si chiede di guidare l’Italia fuori da una complessa crisi economica oltre che sanitaria. Un momento storico in cui nessuno vuole sentir parlare di privilegi accostati ai politici o ad altre personalità connesse al mondo dell’amministrazione. Laddove per politici si intende parlamentari e ministri.

Considerando alcune prassi già riviste, come i vitalizi, il nodo principale per ora irrisolto resta quello del taglio degli stipendi dei membri del parlamento. Lo scorso novembre si era tentato di ridurre perlomeno il loro numero ma, per quanto riguarda gli introiti, il discorso resta per ora ben diverso. Posto che gli stipendi di senatori e deputati sono cifre note (fra indennità, diaria e rimborsi si parla di 14.634,89 euro per i primi e 13.971,35 per i secondi), per il resto si ragiona in base alle dichiarazioni dei redditi che gli stessi compilano come ogni contribuente. Rispettando i dettami di trasparenza, ogni politico è tenuto a rendere pubblica la proprio dichiarazione.

Politici italiani: ecco chi sono i più ricchi

L’ultima messa a disposizione, nel 2020, riguarda il periodo d’imposta 2019. E la classifica qualche sorpresa la riserva, dal momento che in vetta non c’è un ministro e nemmeno l’attuale premier. Si tratta comunque di un ex premier come il senatore e attuale leader di Italia Viva, Matteo Renzi. L’ex sindaco di Firenze, nel 2020 ha dichiarato redditi per 1.092.132 euro, cifra che lo pone primo in graduatoria davanti all’attuale presidente del Consiglio, Mario Draghi, con i suoi 583.470 euro. Terzo posto per un altro senatore, il dem Andrea Marcucci, con 516.431 euro.

LEGGI ANCHE >>> Politici ricconi, la classifica mondiale svela le cifre da capogiro

Nell’elenco, fra i vari politici noti (Pietro Grasso, Simone Pillon, Teresa Bellanova e altri) figura anche il senatore a vita ed ex Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nono con 122.914 euro dichiarati. Decisamente più staccati il ministro della Salute in carica, Roberto Speranza (13esimo con 104.494 euro), e due dei principali leader del Centrodestra. Matteo Salvini e Giorgia Meloni si attestano rispettivamente al 14esimo e al 15esimo posto, con 100.923 e 100.456 euro. “Solo” 16esimo il ministro degli Esteri Luigi Di Maio: 98.471 euro dichiarati nel periodo d’imposta 2019. Gli stessi del presidente della Camera Roberto Fico.