Dal 3×4 al 4×4, i Buoni fruttiferi postali rappresentano uno strumento utilizzato e con buoni rendimenti. E nel mese in corso ne risultano due davanti a tutti.

Buoni fruttiferi settembre
Foto: Web

Piccole ma sostanziali variazioni. Da un mese all’altro, la differenza fra questo piuttosto che quel Buono fruttifero può essere marcata, per quanto sottile. Ecco perché, se ad agosto la convenienza riguarda uno strumento in particolare, a settembre la musica cambia. Leggermente però. Se si dovesse scegliere una soluzione per quanto riguarda un Buono fruttifero, non sarà troppo dissimile rispetto a un mese fa. Fermo restando che, di qualunque opzione si tratti, quello del Buono resta uno strumento estremamente affidabile.

Non solo per gli adulti naturalmente, ma anche per i minorenni. Abbiamo avuto modo di vedere, infatti, che i Buoni fruttiferi possono rappresentare un’ottima soluzione anche per i più piccoli, che potranno amministrare la loro giacenza anche in autonomia a partire da una certa età. Per quanto riguarda i migliori, comunque, le opzioni sono almeno un paio. Entrambe conosciute e sperimentate.

Buoni fruttiferi, la scelta di settembre: 3×4 e 4×4

Dal 3×4 al 4×4, la scelta non è poi così ardua. Entrambi, infatti, garantiscono un buon rendimento nel medio-lungo periodo. E, all’1 settembre 2021, risultano entrambi sul più alto livello in quanto a rendita. Ad esempio, il 4×4 (valido per investimenti nel lungo periodo fino a 16 anni) risulta fra i migliori. Innanzitutto per merito della flessibilità del rimborso, valido in ogni momento, con riconoscimento di interessi che scatteranno rispettivamente 4, 8 e 12 anni. Condizioni impostate dal 6 novembre 2020, con scatti via via più elevati: 0,20% dopo 4 anni, 0,30% dopo 8, 0,40% dopo 12 e, infine, 0,75% al termine dei 16 anni.

LEGGI ANCHE >>> Buoni fruttiferi a lieto fine: con queste tipologie si incassa di più

Per quanto riguarda il 3×4, che consente investimenti fino a 12 anni e, anch’esso, flessibilità di rimborsi (rispettivamente dopo 3, 6 e 9 anni), il rendimento effettivo lordo annuo si suddivide in altri modi. Si partirà con lo 0,10% dal terzo anno, 0,20% dal sesto anno, 0,30% alla fine del non e, infine, 0,50% al dodicesimo anno. Anche in questo caso si parla di disposizioni avviate il 6 novembre 2020, con abbassamento dei tassi. I Buoni fruttiferi postali, emessi da Cassa depositi e prestiti, rappresentano comunque una garanzia. Al di là di quale sia il più conveniente in un dato momento. L’unico inconveniente, è la prescrizione a 10 anni.