Importanti novità per quanto riguarda il rimborso del bollo auto. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo chi ne ha diritto.

rimborso bollo auto_
Foto © AdobeStock

Tra bollette da pagare e necessità quotidiane di ogni tipo, sono davvero varie le spese da dover puntualmente sostenere. Non stupisce, quindi, che siano tante, purtroppo, le persone che, complice anche l’impatto del Covid, si ritrovano a dover fare i conti con una difficile gestione delle finanze personali. A tal proposito, tra i costi che vanno a incidere maggiormente sul bilancio famigliare, si annoverano quelli per l’auto. Ne sono un chiaro esempio l’assicurazione, ma anche i costi di manutenzione e il carburante. Oltre ai costi appena citati, bisogna annoverare anche il bollo auto, meglio noto come tassa automobilistica.

Quest’ultimo deve essere pagato ogni anno da tutti coloro che possiedono un veicolo e per questo motivo finisce inevitabilmente per incidere sul portafoglio di ogni automobilista. Proprio per questo motivo, nel corso degli ultimi mesi, sono varie le misure che hanno visto la sospensione del pagamento di tale tassa, in modo tale da venire incontro alle esigenze delle persone già fortemente colpite dalla crisi in corso. Ma non solo, in alcuni casi è possibile ottenere anche il rimborso. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Rimborso bollo auto, occhio alle novità: ecco chi ne ha diritto

Tra le tasse più odiate dagli automobilisti, il bollo auto finisce inevitabilmente per incidere sul bilancio delle famiglie. Proprio per questo motivo, al fine di venire incontro alle esigenze delle categorie maggiormente colpite dalla crisi economica causata dal Covid, sono state applicate, nel corso degli ultimi mesi, varie riduzioni ed esenzioni. Non parliamo, solo, della cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5 mila euro, con riferimento al periodo che va dal 2000 al 2010.

Facciamo riferimento anche alla possibilità di poter ottenere, in alcuni casi, il rimborso del bollo auto. Entrando nei dettagli, ad esempio, in Lombardia sono state attivate negli anni differenti misure. Tra queste uno sconto del 15% nel caso in cui si decida di pagare con domiciliazione bancaria. Soffermandosi sul rimborso del bollo auto, inoltre, in Lombardia ne hanno diritto gli automobilisti che hanno effettuato doppio pagamento o versamento in eccesso e per perdita di possesso del veicolo. Quest’ultimo, ad esempio, per rottamazione, furto o esportazione.

Bollo auto, a ogni regione il suo rimborso

Anche in Campania è possibile beneficiare di uno sconto, in questo caso del 10%, in caso di pagamento con domiciliazione bancaria, con sconto del 10% sull’importo. Sempre in Campania, è possibile ottenere sempre il rimborso in caso di doppio pagamento o versamento in eccesso o perdita del possesso del veicolo.

Soffermandosi sulla Regione Abruzzo, bisogna sapere che è prevista l’esenzione per esportazione temporanea extra comunitaria e per i veicoli immatricolati come ambulanze di soccorso e per il servizio di estinzione degli incendi. Concesso rimborso per pagamento doppio o in eccesso del bollo auto anche in altre regioni italiane, come Emilia Romagna, Lazio, Puglia, Sicilia e non solo.

LEGGI ANCHE >>> Bollette, prezzi in preoccupante aumento: come evitare la stangata

A tal fine è bene sottolineare che non sempre è possibile ottenere il rimborso del bollo auto, in quanto a definire le regole sono le stesse Regioni. Ogni amministrazione regionale, infatti, stabilisce quali sono le esenzioni e i rimborsi a cui hanno diritto gli automobilisti della zona di competenza. Per questo motivo, al fine di accettarsi della possibilità o meno di ottenere un rimborso, vi consigliamo di informarvi sulle regole in vigore nella vostra Regione di riferimento.