Il lockdown ha incrementato il ricorso all’online, aumentando la tendenza anche all’apertura di un conto corrente interamente sul web. Qualche rischio però c’è.

Conto corrente online
Foto © AdobeStock

Non è (ancora) una legge scritta ma è fuori dubbio che il futuro ci riserverà una quotidianità sempre più digitalizzata. Un po’ è questione di tempi, visto che il ricorso all’online è sempre più frequente anche per le piccole cose. Un po’ ce lo ha imposto il Covid, con la reclusione forzata dei tempi più duri e l’incremento notevole dei servizi del web, soprattutto per acquisti e pagamenti di ogni sorta. Ne hanno approfittato anche le banche per adeguare al meglio i propri servizi di conto corrente online, rendendo in alcuni casi quasi inutile la classica operazione allo sportello.

Ovviamente, come tutte le belle cose anche un conto corrente in regime di homebanking nasconde le sue insidie. E non c’è da stupirsi, visto che il semplice fatto di viaggiare sulla rete alimenta il fattore di rischio. Anche in questo campo, infatti, può celarsi un tentativo di truffa, tramite sistemi che mirano a indurre il correntista stesso a consegnare al malfattore i propri dati di accesso, paventando questo o quel rischio per i propri soldi. E questo nonostante gli strumenti di sicurezza adottati dalle banche che, naturalmente, sono proporzionali al ruolo dei conti online.

Conto corrente online, non solo truffe: quali pericoli si possono correre

In poche parole, il rischio concreto non è nel conto corrente in sé, in quanto anche in caso di fallimento della banca la copertura arriva fino a 100 mila euro, grazie al Fondo Interbancario. Il problema può nascondersi nella sua gestione. E questo per una ragione molto semplice: operare online significa immettere nella rete anche i propri dati sensibili, seppure protetti da sistemi di sicurezza. Pin, numeri di carte di credito, Iban… le informazioni sono tante e tutte potenzialmente a rischio, qualora vi sia un’abile truffa in azione. Oppure un sistema di hackeraggio particolarmente pericoloso.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente, attenti a come lo usate: se fai queste operazioni il Fisco ti chiama

Ecco perché utilizzare il proprio conto corrente online con le dovute cautele diventa vitale. Rispettare le indicazioni di sicurezza della banca, attenzione nella condivisione di dati sensibili, cautela nell’apertura di presunte mail di avviso (molto spesso dei tentativi di phishing): piccoli accorgimenti che hanno il merito di mettere al sicuro, almeno in buona misura, i nostri soldi. E anche i nostri dati, certo. Perché sul web non corre solo il pericolo che qualcuno allunghi le mani sul nostro denaro ma anche sulla nostra identità. I furti avvengono anche in questo senso.