Scade oggi il termine per effettuare il reclamo alla Consap per le transazioni del Cashback che non sono state conteggiate. Ecco cosa bisogna fare

Cashback
Adobe Stock

Il tempo è ormai scaduto, il 29 agosto è l’ultimo giorno utile per presentare ricorso alla Consap in caso si riscontri la mancanza di transazioni utili per il Cashback. Il reclamo si può inoltrare anche in caso di errato conteggio del rimborso per le operazioni comunque conteggiate.

In questo modo si conclude il primo e probabilmente anche ultimo semestre di Cashback ordinario, in attesa della graduatoria inerente il Super Cashback che mette in palio un maxi rimborso da 150mila euro.

Cashback: come presentare il reclamo per le transazioni mancanti

Ci vorrà un po’ più di tempo in questo caso, anche perché c’è da chiarire la situazione dei furbetti, che con le loro transazioni al limite della legalità hanno creato non pochi danni agli esercenti.

Tornando invece ai rimborsi Cashback (che possono essere fino ad un massimo di 150 euro), la maggior parte ha ricevuto il rimborso spettante, altri invece ancora no, probabilmente a causa della cancellazioni di alcune transazioni che sono decisive per arrivare alla soglia minima di 50.

È ancora possibile effettuare il reclamo alla Consap (società incaricata di ricevere le proteste inerenti il servizio Cashback) fino al 29 agosto 2021 per poter sovvertire il tutto ed ottenere il compenso accumulato negli scorsi mesi. Vediamo in che modo si può fare.

Bisogna collegarsi al sito reclamicashback.consap.it e andare nell’apposita sezione dedicata. Quindi sono da considerarsi inutili i messaggi inviati tramite l’applicazione IO o eventuali email ad indirizzi affini.

È necessario registrarsi fornendo i propri dati personali che dovranno essere veritieri. In caso contrario la procedura non sarà inoltrata e si perderà il diritto di ottenere il Cashback attraverso il riconoscimento delle transazioni mancanti.

LEGGI ANCHE >>> Cashback in ritardo, occhio all’equivoco: ecco perché non si può fare ricorso

Una volta inoltrata la richiesta non resta che pazientare. La risposta infatti può arrivare entro 30 giorni dalla ricezione del reclamo. Quindi qualora non arrivi in tempi rapidi è bene non allarmarsi. Non è invece possibile contestare la propria posizione seppur temporanea nella classifica nazionale del Super Cashback.