Come emblema di ricchezza non ha perso il suo status. Oggi, però, l’oro corre in competizione con altre fonti di ricchezza.

Oro valore
Foto © AdobeStock

Si fa presto a dire “paperone”. Chi è abbastanza appassionato da conoscere la splendida saga a lui dedicata da Don Rosa negli anni Novanta, sa benissimo che il mitico eroe disneyano ha faticato non poco a mettere insieme tutta la ricchezza che possiede. Mississippi, Montana, Australia, Africa, Yukon: praticamente l’intero giro del Globo prima di arrivare a setacciare il punto giusto di un torrente del Klondike, tirando fuori la famosa pepita uovo d’oca. Questo per dire che molto spesso la ricchezza si suda. E il fatto che l’oro sia in qualche modo il simbolo del ricco non è casuale.

Quello di Paperon dé Paperoni era un fumetto ma ricalcava fatti ben più che reali. Come la bellissima riproduzione del valico del Chilkoot Pass, fra Canada e Alaska, attraversato dai cercatori durante la Corsa all’oro del 1896, o le cave di diamanti del vecchio Transvaal. Tutto attraversato con l’obiettivo di diventare ricco, di trovare quel tanto d’oro sufficiente a migliorare sé stesso e le condizioni della propria famiglia. Un’intera vita filtrata con la lente del più prezioso dei metalli.

Quanto vale l’oro: la risposta che sorprende

I tempi delle leggendarie corse all’oro sono finiti da tempo. Tuttavia, il metallo giallo continua a rappresentare l’emblema del benessere e dell’agiatezza. Ma è anche vero che, assieme ai tempi, è cambiato il mercato. L’oro non è più il metallo più raro e nemmeno il più nobile. Anzi, da qualche tempo c’è persino un nuovo “oro”, di colore nero, che monopolizza i mercati e oscura l’immaginario collettivo che vede il metallo giallo come il simbolo supremo della ricchezza. A ogni modo, meglio non sottovalutarlo del tutto. E’ vero che il petrolio sale a ritmi pressoché costanti ma lo status dell’oro rimane, anche in ambito di scambi e di mercato. E non solo per monete e oggettistica. La sua importanza resta a livelli alti in tutti gli ambiti. Le banche centrali, ad esempio, basano buona parte del loro andamento sul valore dell’oro in relazione alle valute. Soprattutto euro e dollaro.

LEGGI ANCHE >>> Il petrolio brilla, l’oro no: perché il barile potrebbe superare il lingotto

Certo, a parlare sono sempre i numeri. Quanto vale oggi l’oro? In questo senso vengono prese in considerazioni diverse valutazioni, molto spesso quelle relative ai carati 18 e 24. Per quanto riguarda il secondo parametro, la quotazione dell’oro, al 24 agosto, era a 49,27 euro al grammo, mentre a 18 kt a 36,89 euro. Scendendo a 14 carati, il valore si attesta a 28,75 euro/gr. Infine, a 16,33 al grammo per quanto riguarda i 9 carati. A quanto pare, i numeri parlano ancora a favore del metallo giallo.