La situazione dei pensionati over 70 va oltre i semplici tecnicismi del Green pass. E presto potrebbe arrivare un ulteriore incentivo al vaccino.

Green pass pensionati
Foto © AdobeStock

Continua a non essere semplice la situazione per quanto riguarda il Green pass. Anche perché, oltre ai dettagli puramente ordinari, anche le questioni tecniche continuano a non convincere al 100%. Ad esempio, le difficoltà per i pensionati over 70 potrebbero essere decisamente maggiori rispetto ai cittadini più giovani, specie per chi appartiene a quella fascia d’età che resta in qualche modo più digiuna rispetto alle novità tecnologiche. Senza contare che, in parte, anche questa categoria di cittadini è rimasta indietro con il vaccino.

Un ulteriore corredo a una situazione già estremamente complicata anche se, finora, formalmente non esiste un obbligo vaccinale che non sia per il personale sanitario. Del resto, almeno per ora, non è stato nemmeno ben chiaro quale fosse la possibile applicazione della certificazione verde ai pensionati over 70, fatta eccezione per le occasioni legate a cene al chiuso o, eventualmente, viaggi. Ecco, proprio in questo senso sembra pronta per arrivare una novità.

LEGGI ANCHE >>> Green pass obbligatorio, multe salate per i trasgressori: cosa rischiano

Green pass per i pensionati: una nuova norma in arrivo?

Soprattutto a inizio pandemia, gli anziani (dagli over 60 in su) erano stati ritenuti le persone più vulnerabili al Covid-19. E, trattandosi ancora dei soggetti più a rischio, chiaramente la campagna di vaccinazione è cominciata da loro, accanto alle persone più fragili a causa di patologie pericolose. La campagna vaccinale è comunque proseguita a ritmi piuttosto sostenuti, specie dopo l’introduzione proprio del Green pass, che ha rappresentato un incentivo sicuramente non da poco per il prosieguo e l’incremento dei vaccini. Restano comunque circa 3 milioni di over 60 che non hanno ancora superato lo scetticismo sul vaccino.

LEGGI ANCHE >>> Colf e badanti, l’incubo “verde”: senza Green pass perdono il posto

Per costoro, sembra essere in atto una sorta di ulteriore incentivo che, stavolta, rappresenterebbe di fatto un provvedimento estremamente restrittivo. Infatti, l’idea sarebbe quella di introdurre il Green pass anche nel momento in cui i pensionati si recano all’ufficio postale per ritirare il loro assegno pensionistico. Un modo, sulla carta, per scoraggiare gli assembramenti anche nella semplice coda alle Poste. Una situazione in qualche modo ambivalente che, tramite il Green pass, dovrebbe proteggere coloro più avanti per l’età, tecnicamente ancora quelli più a rischio. Tale norma al momento non c’è ma non sembra nemmeno troppo lontana.