Omicidio al Bancomat in un piccolo centro del Salento, morto un uomo di 69 anni. La moglie ancora incredula ha ricostruito la tragica vicenda

Omicidio al Bancomat
Carabinieri (Fonte foto: web)

Un delitto ancora avvolto nel mistero che ha sconvolto l’intera provincia di Lecce e non solo. Giovanni Caramuscio ex direttore di banca attualmente in pensione è stato brutalmente freddato dinanzi allo sportello di un bancomat mentre si accingeva a ritirare dei contanti. 

Il tutto è avvenuto durante la notte a Lequile piccola comunità situata nel Salento. Stando alle prime ricostruzioni della vicenda potrebbe essersi trattato di un tentativo di rapina andato male. L’uomo sorpreso alle spalle da due persone ha infatti reagito e quel punto uno dei due criminali ha fatto fuoco con la pistola, colpendolo al torace sotto lo sguardo della moglie che si trovava in macchina.

LEGGI ANCHE >>> Licenziato, uccide a coltellate il datore di lavoro: l’agghiacciante vicenda

Omicidio al Bancomat, parla la moglie: “Ancora non ci credo”

La donna a quel punto è scesa immediatamente dal veicolo per sincerarsi delle condizioni del marito. Purtroppo non c’è stato niente da fare, gli operatori del 118 giunti tempestivamente sul posto non hanno potuto che constatare l‘avvenuto decesso.

Al momento non ci sono ancora riscontri certi sulla dinamica dell’accaduto. Una svolta potrebbe darla il fermo di un ragazzo di circa 30 anni di origine albanese. Potrebbe essere stato lui a compiere l’efferata esecuzione. Per quanto concerne l’arma utilizzata potrebbe essere una Beretta calibro 9, ovvero la stessa che è stata trovata all’interno dell’abitazione dell’indagato al momento della perquisizione.

LEGGI ANCHE >>> I bancomat stanno chiudendo in tutta Italia, è davvero la fine dei contanti? (VIDEO)

In attesa di capire come siano andate realmente le cose, Anna Quarta la moglie della vittima è tornata sull’accaduto, naturalmente ancora scossa e provata: “Quando l’ho visto cadere a terra sono corsa verso di lui, ho cercato di aiutarlo a rialzarsi, ma era già troppo tardi. Non potevo crederci e ancora adesso stento a farlo”.

A rendere il tutto più agghiacciante è che la coppia si era fermata lì per puro caso e che la donna gli avesse consigliato di prelevare il giorno dopo. D’altronde nessuno avrebbe mai potuto immaginare un epilogo così amaro.