Si tratta di un posto che abbina un fascino immenso e un costo della vita piuttosto basso. Vediamo qual è la meta ideale per spendere i soldi della propria pensione

Pensione, Grecia
Fonte Pixabay

Godersi la pensione dopo aver lavorato duramente tutta una vita è l’obiettivo comune di ogni cittadino italiano. Purtroppo però a causa di svariati fattori, l’assegno che si percepisce dall’Inps in molti casi non aiuta a condurre una vita agevole e senza pensieri.

Per questo molte persone anziane si trasferiscono in Paesi dove il regime fiscale è differente e consente di vivere in maniera piuttosto agiata. Detta in questi termini la mente va subito a località tropicali situate dall’altra parte del mondo. Optando per una Nazione decisamente più vicina si può passare una “vecchiaia” da ricchi. Scopriamo qual è.

LEGGI ANCHE >>> Pensione, quali sono le malattie riconosciute dall’Inps: l’assegno mensile

I motivi che spingono gli italiani a godersi la pensione in Grecia

Per chi non lo avesse ancora capito si tratta della Grecia, che abbina un costo della vita piuttosto basso e una tassazione agevolata. Inoltre sono stati approvati degli incentivi per favorire le persone un po’ più in avanti con l’età, così come avviene in Portogallo.

I pensionati che si trasferiscono in terra lusitana hanno diritto ad una riduzione delle tasse (al 10%) per un periodo della durata di 10 anni. Ancor più basso il tasso proposto dal paese ellenico, ovvero il 7%, rispetto all’imposta minima IRPEF del 23% proposta nel Bel Paese. 

Così facendo ha attirato pensionati da tutta Europa e naturalmente anche dall’Italia. Le condizioni climatiche sono un altro punto a favore visto nemmeno nel periodo invernale ci sono delle temperature rigide. In Portogallo invece piogge e raffiche di vento sono fenomeni piuttosto frequenti nel corso della stagione fredda. 

LEGGI ANCHE >>> Pensione bassa? Coi consigli giusti a fine mese si arriva di slancio

La ciliegina sulla torta è il costo della vita. Con 20 euro ad esempio ci si può permettere una cena piuttosto corposa e di qualità (la cucina greca è tra le migliori del vecchio continente) al ristorante. 

Aspetti negativi? Sostanzialmente uno solo, ma in qualche modo si può in parte ovviare. La lingua infatti non è semplice da imparare, soprattutto in tarda età. Con l’inglese e l’italiano però in linea di massima si può comunicare, senza però pretendere di instaurare rapporti profondi.