Analisi operativa del 30 giugno 2021 sul future dell’ Euro-bund, il box range e la distribuzione continuano.

I prezzi dell’ Euro-bund ormai è quasi un mese che sono in fase di distribuzione e box-range, ma mentre nei primi 10-15 giorni del mese di giugno le volatilità erano comunque sostenute, nella seconda metà i prezzi oltre a rimanere in fase di stallo, hanno anche ridotto notevolmente le volatilità.  Queste fasi possono comunque essere sfruttate per l’operatività, soprattutto intraday, ma vanno calibrati bene e preparati attentamente i trade. Esistono molte modalità di intervento anche all’interno degli estremi del box range che sono i 171,60 e i 172,40, ma noi come di consuetudine preferiamo lavorare in espansione di prezzo e su livelli volumetrici interessanti, per quanto comunque in questa fase non sarà semplice, anche se le probabilità che i prezzi raggiungano le nostre aree di intervento ci sono e quindi noi rimaniamo in attesa di tali movimenti per la giornata odierna.

Livello di intervento per ingresso giornaliero

Nella giornata odierna, come detto, l’unica tipologia di trade che vogliamo fare è quella sulle estensioni di prezzo, sempre che ovviamente ce ne venga fornita la possibilità.

Il livello da monitorare per oggi è l’area volumetrica di 172,54, che era già preesistente ma che è stata ulteriormente fortificata con la compressione fatta nella metà di giugno.

Quindi se i prezzi nella giornata di oggi raggiungeranno tale prezzo entreremo in vendita, precisiamo che questo trade è valido solo per oggi, in quanto le condizioni quando vi sono fasi così di stallo possono cambiare in fretta.

Per quanto riguarda lo stop loss lo andremo a posizionare circa 16 punti sopra il livello di vendita, quindi a 172,70, così da avere un po’ di respiro ma allo stesso tenere uno stop abbastanza stretto e sostenibile per lo scalping.

Il target del trade sarà il ritorno in area 171,16, che è un altro livello volumetrico che farà sicuramente da supporto, ma che è stato fortificato nelle ultime settimane grazie alla distribuzione dei prezzi.

Questo trade anche se non è sicuramente dei più belli che possiamo fare, ha un’ottimo potenziale, in quanto lo stop loss è comunque contenuto e il target è interessante essendo quasi 40 punti, quindi avendo un rapporto rischio beneficio di 1 a 3.

Le fasi di accumulazione e distribuzione non sono mai semplici da tradare, perché possono far variare le condizioni di mercato da un momento all’altro, d’altro canto invece quando si ricercano trade di medio lungo termine, sono generalmente le fasi che anticipano i grossi movimenti, quindi possono essere molto utili per preparare quella tipologia di trade.