Sette patologie gastriche danno diritto alla pensione di invalidità. Scopriamo quali sono e quali agevolazioni sono previste.

Adobe Stock

Alcune patologie gastriche consentono di ottenere una pensione di invalidità. L’incidenza dei problemi gastrointestinali è in aumento tra la popolazione e tante persone presentano disturbi che impediscono il regolare svolgimento del lavoro. Soddisfacendo alcuni requisiti, l’INPS riconoscerà l’invalidità ma avrà bisogno di certificati medici che attestano la reale presenza della patologia.  In seguito all’acquisizione della documentazione, l’ente attribuirà un punteggio chiave per l’identificazione della percentuale di invalidità e l’assegnazione della pensione.

Leggi anche >>> Screening per la prevenzione oncologica, pronti i voucher dell’Inps: chi può richiederli

Quali patologia sono riconosciute dall’INPS

Come accennato, le patologie riconosciute dall’Ente di Previdenza come rientranti nella pensione di invalidità sono sette. Ecco l’elenco:

  • la cirrosi epatica di classe C di childpugh (invalidità riconosciuta dall’81 al 100%)
  • la stenosi esofagea associata ad alimentazione liquida (invalidità dal 71 all’80%)
  • le malattie croniche intestinali di III e IV classe (invalidità dal 61 al 100%)
  • cirrosi epatica di classe B di childpugh con punteggio tra 7 e 9 (invalidità dal 61 all’80%)
  • trapianto di intestino complicato (invalidità dal 61 al 100%)
  • trapianto di fegato complicato (invalidità dal 61 al 100%)
  • sindrome di malassorbimento enterogeno a causa di una patologia pancreatica o intestinale stenotica, infiammazione o resezione (invalidità dal 61 all’80%).

Oltre alle patologie elencate ricordiamo la stenosi esofagea con ostruzione serrata che comporta una gastro/entero stomia e a cui corrisponde un’invalidità del 100%. In questo caso, il riferimento è a vari tipi di agevolazioni economiche che possono rendere più semplice la gestione della problematica gastrointestinale.

Leggi anche >>> Invalidità civile, c’è l’aumento dell’assegno: importo e beneficiari

Ammontare della pensione di invalidità

AdobeStock

Qualora l’INPS riconoscesse la presenza di una delle sette patologie riferite a problematiche a livello di intestino e stomaco, il soggetto richiedente potrebbe ottenere la pensione di invalidità. L’importo dell’assegno mensile è di circa 300 euro, precisamente di 287,09 euro per l’anno in corso.

La richiesta di invalidità deve essere inoltrata all’INPS che inizierà la procedura volta alla verifica di quanto segnalato dall’utente. Ricordiamo che a sostegno della reale presenza della patologia gastrointestinale dovrà essere presentata la documentazione rilasciata dal medico curante.