Penetrati in uno stabilimento aziendale di Budrio, i ladri puntano al distributore degli snack. Portato via l’incasso ma anche i dolci.

Maserati furto
Foto di Hans Braxmeier da Pixabay

Per chi non lo avesse mai letto, ecco un piccolo spoiler del romanzo I Miserabili, di Victor Hugo. Il protagonista, Jean Valjean, fu condannato a cinque anni di reclusione per aver rubato un tozzo di pane, utile a sfamare sua sorella. Pena che si allungherà a 14 anni complessivi, visti i numerosi tentativi di evasione. Questo per dire come, nell’800, Hugo si figurava un protagonista braccato dalla legge per un reato originario commesso con lo scopo di nutrire chi non aveva cibo. La fame quindi. Ecco, in questo caso, c’entra più la gola probabilmente. Il blitz di alcuni ladri all’interno degli stabilimenti della Mab Service Arredamenti Srl di Budrio sembra averlo dimostrato.

I malviventi, penetrati nottetempo all’interno dei locali aziendali, hanno puntato direttamente alla macchinetta del caffè e degli snack, non solo per prelevarne l’incasso. I ladri, infatti, hanno svuotato il distributore dei soldi ma anche delle merendine che vi erano contenute, mangiandone alcune sul posto. Il tutto mentre razziavano alcune attrezzature e una Fiat Punto aziendale, con la quale si sarebbero poi allontanati. La scoperta è stata fatta l’indomani mattina, alle 7.15 circa, dai lavoratori dell’azienda. Allertati i Carabinieri che non hanno potuto fare a meno di notare un altro particolare.

LEGGI ANCHE >>> Ladri, la Polizia lancia l’allarme, così vi svaligiano casa: la tecnica usata

Blitz dei ladri nella notte: cosa hanno rubato

Nel parcheggio dello stabilimento, oltre alla Fiat Punto rubata, erano presenti altre due vetture: una Mercedes e un Maserati, chiaramente di valore molto superiore ma ignorate dai ladri. Solo da quest’ultima, uno di loro si era ingegnato per rubarne un paio di occhiali all’interno, per poi dileguarsi con l’altra vettura dopo aver fatto il pieno di snack. Parecchi i danni causati all’interno della struttura, denunciati dai titolari dell’azienda. Fra questi, una finestra sfondata e la sottrazione di materiale di lavoro per realizzare mobili. Anche il cancello automatico è stato manomesso.

LEGGI ANCHE >>> Alessandro Matri: il sentito appello ai ladri autori del furto in casa dei genitori

Alla fine, i malviventi si sono allontanati portando con sé attrezzi vari, incassi della macchinetta del caffè e del distributore di snack, merendine incluse, oltre che con una vettura non loro. Svuotata peraltro del suo precedente contenuto, ritrovato nel parcheggio. Il tutto senza premurarsi di nascondere le varie carte dei dolci consumati. L’allarme, nonostante sia stata sfondata una finestra, non è scattato poiché il sistema non era collegato a quel vetro. Al momento non è chiaro quanti fossero i ladri né, per ora, se mirassero a qualcosa di specifico. Difficile credere che sia stato per fame.

Nel parcheggio interno erano presenti, oltre alla Punto, anche altre due vetture, una Maserati e una Mercedes, che sono state però ignorate dai ladri se non per prelevare un paio di occhiali dall’interno della prima. I protagonisti del furto, prima di fuggire, hanno anche consumato sul posto alcuni degli snack rubati poco prima dal distributore interno, come testimoniato da numerose cartacce trovate a ridosso dell’uscita.