Analisi operativa del 17 giugno 2021 sul futures dell’ S&P500, la settimana più brutta da lavorare condita con la riunione della FED.

future america

La settimana in cui ci troviamo, come già ribadito più volte è una delle più brutte da lavorare, infatti è caratterizzata da forti compressioni di prezzi alternate a spike improvvisi, con l’aggiunta di bassissimi volumi scambio per strumento.

In aggiunta nella giornata die ieri, vi è stata la riunione della FED che ha accentuato questo sbalzo di prezzi, infatti ieri sera vi è stato un effetto yo-yo allucinante, conclusosi con un ribasso però interessante, che oggi proveremo a sfruttare.

I prezzi del futures dell’ S&P500 sono ancora in forza, quindi il ribasso scaturito ieri può fornirci un interessante opportunità di acquisto per la giornata odierna, aggiungiamoci il fatto che i derivati americani con le liquidità maggiori sono già presenti sulla nuova scadenza di settembre, infatti è quella che analizziamo e su cui quindi è più interessante lavorare.

Livelli e opportunità operativa di giornata

Anche in questo caso, la parola d’ordine è cercare i trade alle condizioni che reputiamo migliori per la giornata, quindi su livelli di prezzo che ci forniscono un’affidabilità maggiore, perchè il rischio di venire stoppati in queste fasi è molto alto.

Detto ciò, per l’operatività odierna in acquisto, terremo come primo livello di supporto il 38,2% del vettore che è partito con il minimo del 13 maggio, fino al massimo del 15 giugno, quindi della durata di un mese. Il 38,2% di Fibonacci si trova in area 4171, che guarda caso è anche in un’area volumetrica interessante, ci stiamo focalizzando su questo livello perchè anche se vi sono supporti volumetrici interessanti anche prima come i 4177, pensiamo che in questo storno il 38,2% lo raggiunga e che quindi è meglio concentrarsi sulle aree con più supporti possibili, come in questo caso che abbiamo sia Fibonacci che l’area volumetrica.

Quindi per la giornata odierna, se i prezzi del futures dell’ S&P500 raggiungeranno il livello 4171 entreremo in acquisto, per quanto riguarda lo stop loss dell’operazione sarà abbastanza stretto, abbiamo visto studiando il grafico che il 3 giugno i prezzi hanno battuto un minimo a 4165 quindi ci posizioneremo con il nostro stop un pò più sotto di li, a 4163, così saranno 8 i punti di stop.

Il livello di target invece sarà il ritorno a 4194, che è un area volumetrica importante e di forte distribuzione nelle ultime settimane, volendo potremmo puntare a livelli più ambiziosi, ma data la settimana in cui ci troviamo, data la fase non bella dei mercati, in questo caso appena si arriva al primo livello di target è giusto uscire e incassare il gain, anche perché sono più di 20 punti.