Analisi del 28 maggio sul future del cambio Euro-dollaro, valutiamo l’acquisto di giornata.

borsa azioni

Le ultime due settimane sul cambio Euro-dollaro sono state caratterizzate da una forte distribuzione, che sembra essere il preludio di movimenti più importanti per il prossimo mese. Infatti da come si stanno indirizzando i prezzi, sembra che l’Euro-dollaro sia pronto per iniziare il movimento ribassista di giugno. Per il momento come da noi previsto il prezzo è stato respinto dall’area importante di 1,2270 e da li ha perso quasi 100 punti in 2 sedute, ora però è arrivato il momento delle conferme per capire come si comporteranno nel mese di giugno i prezzi. Va precisato per l’appunto che fino a che i prezzi rimarranno bloccati nel box range di distribuzione compreso tra i 1,2160 e i 1,2270 non ci saranno grossi movimenti, quindi questa discesa per noi può essere un’opportunità interessante per un ingresso di breve termine.

Ingresso in acquisto i livelli operativi

La distribuzione che è in atto per le operazioni intraday è un’opportunità interessante, perché fornisce ingressi ottimi con rischi veramente contenuti. Se partiamo con l’analizzare il bel vettore che parte dal 5 maggio fino al massimo del 25 maggio, ci troviamo con il 38,2% di Fibonacci in area 1,2166, in aggiunta abbiamo una bella zona volumetrica a 1,2170 che farà da supporto per tenere i prezzi. Nella giornata odierna, quindi se i prezzi raggiungeranno il livello 1,2166-1,2168 è il punto ideale per entrare in acquisto, punto tra l’altro che ha tenuto i prezzi già in altre due occasioni il 19 maggio e il 21 maggio.

In questo caso lo stop loss lo dovremo posizionare ad una distanza di circa 20 punti, quindi in area 1,2146-1,2145, livello che tra l’altro è coperto da un’altra zona volumetrica a 1,2151, quindi questa operazione in acquisto ci fornisce la copertura e il supporto di 3 livelli importanti, due volumetrici e uno di Fibonacci.

Il target dell’operazione è come primo arrivo il recupero del livello 1,22, che è l’area in cui i prezzi hanno distribuito durante le sessioni del 26 e 27 maggio, creando un pò di blocco, ma il vero target è l’arrivo a 1,2220 dove negli ultimi 10 giorni, ci è stata creata una resistenza volumetrica importante.

Il livello che utilizziamo per l’ingresso, è anche la base della distribuzione, ciò ci permette per l’appunto di avere veramente uno stop loss stretto, in quanto se viene rotta è molto probabile che parta il movimento ribassista, a meno di false rotture ma è per quello che teniamo lo stop leggermente più largo, per evitare le trappole di mercato.

Facciamo particolare attenzione a come si comporta il prezzo dopo il nostro ingresso, perché nelle due volte precedenti dopo che è stato preso il livello i prezzi hanno reagito bene, quindi se vediamo che faticano a risalire è opportuno uscire dal trade per evitare scivoloni.