Sconto in bolletta di luce, gas ed acqua, il bonus è già partito in gennaio 2021, ecco chi può ancora richiederlo

Bollette da pagare (Fonte foto: web)

Un bonus che riguarda le bollette di acqua, luce e gas, per le famiglie in difficoltà. Basterà presentare l’Isee e da come ricorda l’Arera, lo sconto sarà disponibile, come già lo è dal gennaio 2021. Per il tema bollette tra l’altro, è stato scoperto uno strano dato per cui chi ha più di 45 anni paga di più.

Il bonus verrà poi riconosciuto in automatico per i 12 mesi successivi la presentazione di domanda, grazie alla Dichiarazione Sostitutiva Unica ai fini Isee. La possibilità di richiesta è stata inoltre semplificata rispetto alla precedente, per essere sicuri che tutti gli aventi diritto possano accedervi. Cosa che prima accadeva, ma con percentuali minori.

Leggi anche>>> Bollette, interviene il Consiglio di Stato: sanzioni per chi sgarra

Sconto in bolletta: a chi spetterà

L’Autorità con la collaborazione dei Comuni, ha reso possibile questo bonus pensato dal vecchio Governo, per aiutare le famiglie meno abbienti attraverso dei risparmi sulle utenze. Gli sconti, verranno applicati come già sottolineato, per bollette di luce, acqua, gas.

Andiamo a vedere in che modo è suddiviso il bonus. Ma prima, interessiamoci di capire quando entrerà in vigore la richiesta unica. Tornando agli sconti, per quanto riguarda l’elettricità, ecco i termini da dover rispettare. Le famiglie richiedenti, devono avere un Isee inferiore a 8.265 euro; ne hanno diritto le famiglie numerose, quindi con più di 3 figli a carico, con ISEE non superiore a 20.000 euro e titolari di Reddito di Cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Leggi anche>>> Bollette acqua, luce e gas, occhio al conguaglio: tutto quello che c’è da sapere

Diversi i requisiti per il gas: ne hanno diritto le famiglie con nucleo familiare con indicatore Isee pari o inferiore a 8.265 euro; nuclei familiari con almeno 4 figli e indicatore Isee non superiore a 20.000 euro; o famiglie con nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza. Infine, per il bonus acqua, c’è bisogno che uno dei componenti del nucleo Isee, sia intestatario di un contratto di fornitura elettrica o idrica o gas, con tariffa per usi domestici e attivo, o che appartenga ad una fornitura condominiale attiva.