Una nuova app è in grado di rubare i dati Whatsapp e di rovinare la reputazione. Scopriamo di cosa si tratta.

whatsapp

Una nuova truffa, di quelle non ancora viste prima d’ora, si tratta di una applicazione che installata sul nostro smartphone passera ad impossessarsi di tutte le informazioni e dati sensibili possibili. Una dinamica assolutamente nuova che mette a rischio gli utenti della nota app di messaggistica istantanea Whatsapp.

Attenzione :App che si impossessa di Whatsapp

A differenza dei classici tentativi di furto dati, l’App FlixOnline non accede (quantomeno direttamente) al nostro conto in banca, ma al nostro account. Ma dove arriva questo virus?

LEGGI QUI >>> Stop a WhatsApp su questi smartphone: potrebbe esserci il tuo, la lista

Come agisce la nuova App

L’App dal nome FlixOnline si inserisce in modo semplice nei nostri dispositivi, specialmente nel nostro cellulare.

Molte le segnalazioni arrivate, per aver contratto il “virus ruba dati”.  Moltissimi utenti di Whatsapp,  ricevuto un messaggio che prometteva due mesi gratis di Netflix Premium. Impossibile non cliccare. Non appena pigiato il link allegato, ecco che l’applicazione si sarebbe scaricata autonomamente e con essa altre minacce e le conseguenze appena esposte.

Ma a differenza delle altre volte, non c’è solo il rischio economico, in questo purtroppo appare raddoppiato: economico e reputazionale. (Immaginiamo cosa potrebbe fare un malintenzionato o un hacker pur di estorcerci denaro, o immaginiamo cosa accadrebbe se qualcuno diffondesse le nostre foto private,.ricattandoci di pubblicare i nostri contenuti più privati. In questo caso   gli hacker riuscirebbero a lucrare sulla nostra paura.

LEGGI QUI >>> Attacco hacker invisibile: la nuova minaccia può causare danni gravissimi

Tuttavia, il problema sta per essere risolto: Sembra infatti che l’applicazione sia stata rimossa, ma si attendono notizie . Intanto cerchiamo di prestare più attenzione alle nuove App.

L’app in ogni caso agisce in maniera rapida e senza destare alcun sospetto. Niente, insomma, sembrerà ciò che è davvero.