Vi ritrovate a pagare le rate di un prestito o del mutuo e il tasso di interesse applicato vi sembra particolarmente alto? Ebbene dovete sapere che è possibile sapere in modo facile e veloce se si tratta di un tasso usurario. Entriamo nei dettagli e vediamo come fare.

Fonte: Pixabay

A partire dall’acquisto di un auto, passando per i mobili, fino ad arrivare alla casa, sono varie le spese da dover affrontare. Non sempre, però, si ha a propria disposizione il denaro necessario per poter potare a buon fine le varie operazioni di acquisto. Proprio in questo contesto, quindi, si finisce spesso per ricorrere a dei piccoli prestiti, quali possono essere le varie forme di finanziamento finalizzate all’acquisto di un bene, oppure il classico mutuo per la casa. In ogni caso si tratta di somme di denaro ricevute in prestito e che dovranno essere restituite con tanto di interessi.

Quest’ultimi vengono calcolati applicando dei tassi di interesse che possono risultare alquanto differenti a seconda dell’istituto di riferimento. Se tutto questo non bastasse, in alcuni casi possono risultare particolarmente alti, tanto da indurre a pensare che si tratti di tassi usurari. Nel caso in cui pensiate di essere vittime di questa piaga, quindi, vi interesserà sapere che è possibile utilizzare uno strumento ad hoc grazie al quale poter verificare la propria situazione. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

LEGGI ANCHE >>> Mutui e prestiti, congelare la rata è possibile: ecco come

LEGGI ANCHE >>> Mutui e affitti, attenti alle novità: ecco cosa c’è da sapere

Mutui e prestiti, attenti ai tassi di interesse: come verificare se superano la soglia dell’usura

Mutui e prestiti trend
Image by Steve Buissinne from Pixabay

Ogni volta in cui si accede ad un mutuo o a un prestito bisogna necessariamente fare i conti con il pagamento delle relative rate. Su queste, come noto, vengono applicati degli interessi, che possono risultare molto differenti a seconda dell’istituto a cui si decide di affidarsi. Ebbene, bisogna sapere che vi sono delle soglie da rispettare, onde evitare di incappare in uno stato di usura. Spesso, infatti, può capitare di ritrovarsi a pagare degli importi che risultano particolarmente elevati, senza capirne effettivamente il motivo.

In tal senso dovete sapere che se vengono applicati dei tassi usurai, è possibile fare apposito reclamo presso la banca o finanziaria che ha concesso il finanziamento. Nel caso in cui non si abbia alcun riscontro, quindi, è possibile rivolgersi all’Arbitro bancario e finanziario. Se anche in questo caso non si riesce a trovare una soluzione alla propria situazione, allora bisogna rivolgersi all’Autorità giudiziaria, avendo l’accortezza di presentare una perizia econometrica fatta da organismi specializzati.

Prima di giungere a conclusioni affrettate, però, vi consigliamo di valutare preventivamente se si tratti o meno di un tasso di usura. A tal fine vi interesserà sapere che Altroconsumo ha messo a disposizione un apposito calcolatore, grazie al quale poter scoprire se i tassi applicati sul mutuo o sul prestito superino o meno la soglia ai fini dell’usura. Non dovete fare altro che inserire i dati presenti sul contratto e il gioco è fatto.

Controlla se si tratta di un tasso usurario cliccando qui >>> https://www.altroconsumo.it/soldi/mutui/calcola-risparmia/tasso-usuraio