Rc Auto, la doppia strategia da adottare per evitare il salasso

Due semplici mosse per risparmiare sull’Rc Auto. Una questione di monitoraggio e anche di lungimiranza.

Rc Auto
Foto di Dariusz Sankowski da Pixabay

La spesa dell’Rc è una di quelle voci che non manca mai nell’economia di un bilancio familiare. Un’uscita messa in conto, aspettata, soggetta anche a qualche variazione e, per questo, di una caccia all’occasione per cercare di decurtare qualche euro dal conto finale. Detto questo, è inevitabile come, in qualche modo, chiunque di noi sia interessato a capire se vi siano o meno delle opportunità per dare una scorciata al costo della Rc. La risposta al dubbio, è che in realtà qualche beneficio c’è ma non è elargito.

In sostanza, per riuscire a risparmiare qualcosa sull’Rc auto bisogna stare attenti a qualche fattore essenziale. Questo al fine di continuare a garantirsi un’adeguata copertura assicurativa per sé stessi, per il proprio veicolo e per coloro che viaggiano con noi senza sottoporsi necessariamente a un salasso. Due le variabili da tenere in considerazione. Un numero esiguo ma fondamentale.

LEGGI ANCHE >>> Rc Auto, novità sui risarcimenti per lesioni gravi: Assoutenti non gradisce

LEGGI ANCHE >>> Rc auto, attenti a queste assicurazioni online: cosi vi svuotano la carta, come difendersi

Rc Auto, la doppia strategia da adottare per evitare il salasso

Posto che, a norma di legge, la garanzia concessa dall’Rc auto prevede un tetto massimale minimo per sinistro di 6.070.000 euro in caso di danni a persone (indipendentemente dal numero) e di 1.220.000 euro per danni a cose, per l’Rc auto valgono fondamentalmente due regole. Innanzitutto, la soluzione spesso adottata del passaggio da una compagnia assicuratrice all’altra non sempre porta i suoi frutti. Cosa fare quindi? Innanzitutto verificare da chi si decide di riparare l’auto.

Sembra un dettaglio ma non lo è. Scegliere un qualsiasi punto di ricambio non è sempre una scelta saggia. Risulta importante, infatti, verificare che si tratti di un centro in convenzione con la compagnia assicurativa. La conseguenza è il risparmio sulla tariffa e un maggiore monitoraggio sui costi di riparazione, senza anticipi a carico dell’utente. Inoltre, una buona soluzione può essere la scatola nera, un dispositivo che registra la dinamica dei sinistri (utile in caso di responsabilità dubbia) e riduce anch’esso le tariffe, in quanto una sorta di assicurazione nell’assicurazione.