Dormi in alberghi di lusso e ti pagano pure: sì, è un lavoro vero e proprio, ecco chi cerca candidati e come arrivarci

2.000 dollari per dormire in alberghi di lusso: come candidarsi per l'offerta
Albergo di lusso (Fonte foto: web)

Dormire in alberghi di lusso, solitamente costa e non poco. Non tutti possono permettersi anche soltanto una notte, in un hotel a 5 stelle, ma c’è chi viene pagato per farlo. Il pacchetto lavorativo, non a caso detto “Dream job”, prevede cinque notti di sonno in un hotel di lusso, con le dovute recensioni.

Ci si candida su questo sito: sleepstandards.com dove l’azienda statunitense che se ne occupa, offre un ottimo compenso, appunto, per dormire. Al momento però, il lavoro è offerto solo a chi risiede negli USA, ma presto potrebbe cambiare. Le candidature sono aperte fino al 30 marzo ed è necessario realizzare una video presentazione di 60 secondi da allegare al modulo compilato.

Leggi anche>>> Banche, boom di assunzioni: le lauree più richieste

Leggi anche>>> La busta paga si gonfia: 2000 euro in più per i dipendenti di queste aziende

Come venire pagati per dormire in alberghi di lusso

Sembra uno scherzo (ma non lo è): nel video di presentazione, il candidato deve specificare perché è il migliore per questo lavoro, convincendo i giudici. Nel regolamento, infatti, si legge: “Se ti scegliamo, ti invieremo ogni notte in un nuovo ambiente per dormire. In ciascuno di questi ambienti, regoleremo attentamente diversi fattori che riteniamo possano migliorare la qualità del sonno. Puoi aspettarti impostazioni diverse in ogni luogo. Ma non preoccuparti: queste impostazioni non danneggeranno in alcun modo la tua salute fisica e mentale”.

In cosa consiste questo lavoro? Nel dormire come detto, nella stanza di albergo, per poi scegliere che valutazione da 1 a 10 dare alla struttura. Ma non è il lavoro più bizzarro che questo sito americano propone: un anno fa, chiese a cinque coppie, di segnalare il milgior materasso su otto, per fare l’amore. Anche lì le candidature furono tantissime, per un compenso, pensate, di 3.000 dollari.