Una scena da film al quartiere della Montagnola: i banditi hanno estratto lo sportello automatico portandolo via su un carro attrezzi. Indagini in corso.

 

Le scene di alcuni film, probabilmente, per qualcuno sono ben più reali di quanto non dovrebbero essere. Il furto del bancomat in Lo chiamavano Jeeg Robot sembra aver fatto “scuola” per un gruppo di banditi che, nel quartiere romano della Montagnola, hanno agito di notte per sfondare e portarsi via un intero sportello automatico della filiale del Banco popolare di Milano di Piazzale Roberto Ardigò. Sì, una vera e propria scena da film.

I malviventi sono arrivati nottetempo, con un carro attrezzi e addirittura un ariete caricato. L’orologio batteva le 4 quando il gruppo (composto da tre persone) si è presentato davanti la sede della banca, pronto a eseguire un colpo che, vista la durata di esecuzione, ha reso evidente come i banditi fossero gente esperta.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente bloccato senza preavviso: quando la banca lo può fare

LEGGI ANCHE >>> Come risparmiare denaro riformulando il proprio mutuo di casa

Roma, hanno portato via un bancomat con il carro attrezzi: indagano i Carabinieri

Nemmeno cinque minuti e il bancomat della Piazza era stato asportato. Il carro attrezzi sarebbe infatti riuscito a scardinare lo sportello e a trascinarlo sul pianale. Il tutto, naturalmente, ha prodotto un rumore che ha svegliato i residenti, alcuni dei quali hanno allertato le Forze dell’ordine. I banditi, però, nel frattempo si erano già dileguati, portandosi via l’intero bancomat con tutte le banconote conservate all’interno. Con tutte le loro protezioni, comprese le macchie indelebili pensate proprio contro i furti.

Al momento i Carabinieri della compagnia Roma Eur stanno ricostruendo l’accaduto con l’ausilio delle telecamere di sorveglianza, con la speranza di riuscire a individuare i banditi. Non è chiaro quale sia l’importo del bottino rubato: certo è che il furto, indipendentemente da quanto sia stato portato via, rientra fra i più clamorosi degli ultimi tempi.