La FAO, Food and Agricolture Organization, ha istituito tirocini retribuiti per chi ha un età tra i 21 e 30 anni. Vediamo i requisiti per accedervi.

tirocini retribuiti FAO
Logo FAO (sito web FAO)

La FAO, Food and Agricolture Organization, è un’agenzia delle Nazioni Unite, fondata a Washington nel 1945, Impegnata a livello internazionale nella lotta contro la fame nel mondo. La sua sede ufficiale è a Roma.

Detta Agenzia, ha introdotto dei tirocini retribuiti al fine di dare avvicinare tanti giovani alle attività della stessa.

Questi tirocini sono rivolti ai giovani studenti e neolaureati che hanno il desiderio di vivere un’occasione di formazione e di lavoro con l’intento di seguire le linee di intervento FAO e degli obiettivi ONU relativi allo sviluppo sostenibile.

I tirocini si svolgeranno a Roma e anche in altre città estere e la durata è compresa tra i 3 e gli 11 mesi.

E’ previsto un rimborso spese per i tirocinanti pari a 700 dollari al mese, precisamente 577,25 euro. E’, altresì, prevista un assicurazione sanitaria, pagata direttamente dalla FAO mentre il vitto e l’alloggio sono a carico del partecipante.

Vediamo insieme quali sono i requisiti per partecipare.

LEGGI ANCHE >>> Conto corrente bloccato senza preavviso: quando la banca lo può fare

LEGGI ANCHE >>>  Bonus cashback, 148 transazioni per un pieno: furbetti nel mirino del Fisco

Tirocini retribuiti FAO: requisti

La candidatura dovrà essere inviata, sul sito della FAO, entro e non oltre l’8 agosto 2021.

Per poter partecipare al bando di selezione occorre avere i seguenti requisiti:

a) essere cittadini di uno degli Stati Membri della FAO;
b) un’età compresa tra 21 e 30 anni;
c) essere iscritti ad un corso di laurea o post-laurea al momento della presentazione della domanda, o neolaureati;
d) possedere un’esperienza accademica rilevante per uno dei settori di interesse dell’Organizzazione;
e) conoscere almeno una tra le lingue ufficiali FAO: arabo, cinese, francese, inglese, russo o spagnolo;
f) avere capacità di adattarsi a contesti internazionali e multiculturali;
g) possedere buone doti comunicative e conoscere i principali programmi informatici;
h) essere in regola con lo status d’immigrazione o con la residenza nel paese di assegnazione, prima di iniziare lo stage.