Gravissima nuova truffa WhatsApp: una finta versione ti fa spiare

Come una nuova versione per iPhone di WhatsApp, si può tramutare in una pericolosa truffa che ci fa perdere i dati

Gravissima nuova truffa WhatsApp: una finta versione ti ruba i dati
WhatsApp installazione (Fonte foto: web)

Un nuovo tentativo di truffa, è stato da tempo sottolineato da diversi utenti, che hanno provato a scaricare WhatsApp sul proprio smartphone. L’ultimo attacco ha riguardato gli utenti che possiedono un iPhone, e secondo le indagini di Motherboard ed i tecnici informatici di Citizen Lab dell’Università di Toronto, sarebbe nata in Italia.

Infatti, il sistema dovrebbe esser stato realizzato proprio dalla Cy4Gate, un’azienda italiana, che lo aveva creato con scopi di sorveglianza. La truffa, è stata perfezionata con dei siti allestiti appositamente e creati con delle grafiche facilmente riconducibili a WhatsApp, con tanto di istruzioni su come installarla sul proprio iPhone.

Quando l’utente avvia il download, il proprio telefono inizia a venir spiato grazie al file di configurazione MDM: parliamo di un profilo speciale, capace di settare il comportamento di un iPhone secondo determinati parametri.

Leggi anche>>> Casinò online: la truffa è sempre dietro l’angolo

Leggi anche>>> Il phishing si rinnova: se ricevete questo messaggio non apritelo, è una truffa

La finta versione di WhatsApp, nata per truffa

Le vittime di tale truffa hanno praticamente dato il consenso involontario agli hacker di installare un software non approvato dall’AppStore, come appunto nel caso di questa versione fittizia di WhatsApp. Con il rischio quindi, di non fare affidamento allo store ufficiale che ha sempre bisogno di consentire al cellulare su cui si scarica un’app, di inviare a distanza dati come il codice identificativo della SIM e del dispositivo, oltre ad altre informazioni che i ricercatori non sono stati in grado di isolare.

Intanto, la società di sorveglianza italiana, Cy4Gate, che pare essere responsabile della costruzione di più di un sito fake, parrebbe annoverare tra i suoi clienti, anche diversi soggetti istituzionali, non sempre contenuti dai confini europei. Indagini infatti, hanno portato anche a dei sospetti verso gli Emirati Arabi Uniti.

Non si sa ancora con quali fini è stata utilizzata la finta versione di WhatsApp, per fortuna scoperta. Tra l’altro non è neanche per ora dato sapere, da quanto tempo questa truffa va avanti. Secondo un’ipotesi, la pagina di installazione veniva proposta a un numero limitato di soggetti di interesse per i clienti di Cy4Gate.