Il divorzio è sempre un momento difficile da affrontare. Se poi ci sono di mezzo dei figli, è bene sapere quali sono i loro diritti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

Fonte: Pixabay

Il matrimonio è senz’ombra di dubbio il giorno più bello della vita, con gli sposi pronti a giurarsi amore eterno. Purtroppo, però, le cose non vanno sempre come sperato, con marito e moglie che decidono in alcuni casi di porre fine alla propria relazione. Divorziare, ovviamente, non è mai semplice. Se poi ci sono di mezzo dei figli è importante evitare che gli effetti ricadano su di loro.

Anche quando una coppia decide di non vivere più assieme, infatti, è necessario che le conseguenze di tale disgregazione non si ripercuotano sulla loro crescita ed educazione. Proprio in tal senso viene in soccorso la legge, che prevede quelli che sono i diritti dei figli in caso di divorzio. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo di quali si tratta.

LEGGI ANCHE >>> Crescere un figlio fino ai 18 anni costa una fortuna: le cifre

LEGGI ANCHE >>> Eredità, quanto spetta al coniuge: cosa c’è da sapere

Divorzio, dal mantenimento al gioco: ecco quali sono i diritti dei figli

Pixabay

Come già detto, nel caso in cui i genitori decidono di divorziare, devono comunque prestare attenzione ai diritti dei figli. Quest’ultimi, ad esempio, hanno diritto al mantenimento. Ovvero devono garantire loro lo stesso tenore di vita di quando la famiglia era ancora unita. A tal fine è bene ricordare che l’obbligo di mantenimento spetta sia al padre che alla madre, ognuno in proporzione alle proprie capacità finanziarie. Allo stesso tempo i figli hanno diritto di restare presso la casa del genitore presso cui decide di collocarli il giudice, almeno fino a quando non saranno autonomi dal punto di vista economico.

Oltre agli aspetti pratici, bisogna prestare particolare attenzione anche agli affetti. In tal senso il genitore non collocatario ha sempre il diritto e il dovere di incontrare i propri figli. Ma non solo, quest’ultimi hanno diritto di vedere anche i nonni e continuare ad avere rapporti con loro. Da non dimenticare, poi, il diritto a studiare, così come al gioco, allo sport e al tempo libero. L’obbligo dei genitori, infatti, non si limita sola al vitto e all’alloggio, ma bisogna provvedere anche a tutte le loro altre necessità.