L’INPS riconosce assegni di invalidità da 287 a 522 euro per coloro che sono portatori di patologie alla tiroide. Ecco come beneficiarne.

Inps malattie tiroide
Fonte Facebook – Blogo

Non sempre per beneficiare di assegni erogati direttamente dall’INPS deve ritrovarsi in uno stato di salute gravissimo.

Quando la gravità di una malattia è tale da compromettere in misura rilevante le capacità psicofisiche del paziente lo Stato garantisce il riconoscimento di sussidi economici, che possono essere l’esenzione dalle spese mediche, dal pagamento dei ticke e farmaci e/o il riconoscimento di assegni di invalidità.

La Commissione sanitaria legale, in alcuni casi, al fine dell’erogazione dell’assegno, certifica la presenza di una percentuale di invalidità pari al 100%.

Ci sono dei casi in cui l’INPS riconosce il diritto ad ottenere gli assegni senza ritrovarsi, per forza, in detta situazione come per esempio chi ha problemi alla tiroide.

Chi ha complicazioni alla tiroide, infatti, può ottenere, nel 2021, assegni INPS da 287 a 522 euro, a seconda della percentuale di invalidità e a seconda delle specifiche malattie che colpiscono la ghiandola tiroidea.

LEGGI ANCHE >>> 1200 euro ai proprietari di casa, come riceverli e a chi spettano

LEGGI ANCHE >>> Password protette, ci pensa Chrome: questo strumento è utile due volte

Assegni INPS per chi soffre di tiroide

I problemi di tiroide possono sfociare, nel soggetto che ne soffre, in una condizione di invalidità permanente, portanto anche a ridurre considerevolmente le abilità lavorative del paziente.

In questi casi, il soggetto avrà diritto a percepire un assegno pensionistico a sostegno dell’infermità che la visita sanitaria INPS rileverà.

Quanto spetta al soggetto è indicato nelle tabelle del Decreto del 5 febbraio 1992 del Ministero della Sanità. Qui sono riportate le relative percentuali di inabilità in riferimento alle diverse minorazioni.

La Commissione sanitaria INPS attribuisce, a chi soffre di ipotiroidismo grave con deficit mentale, il punteggio massimo di invalidità.

Mentre chi soffre di ipoparatiroidismo, la percentuale di invalidità oscilla tra il 91% e il 100%. Chi invece soffre di carcinomi tiroidei, gozzo, ipotiroidismo e ipertiroidism, è riconosciuta un’invalidità del 74%.

E’ riconosciuto un importo pari a 287,09 euro agli invalidi parziali. Riceverà, invece un assegno più corposo di 522,10 euro il contribuente che ha ottenuto il riconoscimento di un’invalidità totale e quindi matura anche il diritto all’accompagnamento.