Comprò azioni Tesla nel 2013 e ora grazie a questo investimento può lasciare il lavoro e andare in pensione a meno di 40 anni.

Elon Musk, prima di andare su Marte va...in Texas: perché
Elon Musk (Fonte foto: web)

Andare in pensione ad appena 39 anni, da milionario, dopo aver visto crescere a dismisura il valore delle sue azioni comprate nel 2013.

È la storia di Jason DeBolt, ex dipendente di Google prima e di Amazon poi, che otto anni fa aveva comprato azioni di Tesla quando costavano appena 7,50 dollari l’una: una scommessa vinta, dato che ora a 39 anni si ritrova un tesoretto da ben 12 milioni di dollari.

È stato Jason stesso a raccontare tutto sul suo profilo Twitter: il suo tweet è diventato virale, tanto da portare il blog finanziario americano Ramp Capital a parlare della sua storia.

Nel 2013 il giovane comprò 2.500 azioni di Tesla quando il prezzo era di 7,50 dollari: una spesa di circa 19mila dollari, per un lotto che ora vale oltre due milioni.

LEGGI ANCHE >>> Canone Rai: chi controlla se abbiamo davvero diritto all’esenzione

LEGGI ANCHE >>> Bonus Baby Sitter, per quanto ancora lo si può richiedere?

Investì in azioni Tesla nel 2013 e ora a soli 39 anni va in pensione

Ma DeBolt non ha alcuna intenzione di rivendere: «Entro il 2030 le azioni potrebbero valere 20-30mila dollari», le sue parole a chi gli chiedeva se temeva una bolla finanziaria dietro la grande crescita di Tesla.

Chiamatela fortuna, chiamatela lungimiranza, ciò che è certo è che fu un ottimo investimento in un momento storico nel quale per molti la Tesla sembrava il frutto dell’immaginazione di un folle Elon Musk.

Di solito gli investitori minimizzano il rischio scommettendo su più titoli, DeBolt però scelse di non diversificare e investì nell’azienda del visionario Elon Musk. La notizia del suo pensionamento l’ha data lui stesso su Twitter e il suo post in poche ore è diventato virale.