Occhio ai sistemi di pagamento senza transazione diretta. Una mancata supervisione sulle bollette può creare inconvenienti: ecco quali.

Carta Bollette
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Bollette da pagare, ecco qualcosa che accomuna tutti. Negli ultimi tempi, specie per conciliare esigenze familiari-lavorative con l’incombenza delle code agli uffici postali, le persone hanno optato sempre di più per la cosiddetta “scalata” dal conto. Ovvero, fornire agli operatori il proprio numero di conto sul quale addebitare direttamente l’importo, “scalando” appunto la cifra necessaria per saldare il bollettino e risparmiarsi la fila agli sportelli. Un sistema talmente utilizzato da essere, al pari degli altri passaggi di denaro, diventato fonte di possibili inconvenienti.

Utilizzare la carta di credito per farsi addebitare una cifra, infatti, richiede altrettanta attenzione di qualsiasi altra transazione. Il problema può nascere qualora, convinti di aver ormai messo al sicuro la pratica, si tende a non verificarne il corretto funzionamento. Il che, alla lunga, può essere un errore.

LEGGI ANCHE >>> Conti correnti, soldi e stipendi a rischio: l’incubo del 2021 è iniziato

LEGGI ANCHE >>> Fisco: controlli a tappeto sul conto corrente, i consigli per evitarli

Bollette, occhio all’addebitamento su carta: un errore può costare caro

Come riferisce Economiaoggi.it, citando un proprio lettore, può accadere che autoconvincersi del buon andamento della “scalata” non sempre significa che stia andando realmente così. L’utente in questione, infatti, si sarebbe ritrovato addebitato sul suo conto oltre 800 euro. Una penale, come avrebbe scoperto, dovuta al fatto che per diversi mesi nessun addebito era stato effettuato.

Ok il mancato controllo ma, in questo caso, il problema era anche più grave: anche la società gestente, infatti, non avrebbe informato tempestivamente il proprio clienti di come i pagamenti non andassero a buon fine. Risultato, visti i mancati pagamenti, rescissione automatica del contratto e penale monstre, nonostante la buona fede dell’utente e l’errore del gestore nel non comunicare il disguido.

In sostanza, pur essendo in un certo senso vantaggiosi (o meglio pratici), i sistemi di addebitamento automatico richiedono proprio per questo maggiore attenzione. Non avendo riscontro immediato sull’avvenuto pagamento, una verifica è perlomeno necessaria. Da parte di chi usufruisce il servizio, certo, ma anche (e soprattutto) da parte di chi lo elargisce.