L’app di messaggistica Whatsapp dispone anche di un sistema per arrivare alle conversazioni. Comodo per i più gelosi ma non solo…

Whatsapp
Foto di Mark Rademaker da Pixabay

Se Whatsapp può essere passibile di qualche tentativo di accesso non desiderato da parte di qualche sconosciuto (come del resto quasi tutti i grandi social), è anche vero che utilizzare la più popolare app di messaggistica per scopi non puramente ortodossi potrebbe essere un cattivo affare. E non tanto perché la chat, con un attimo di distrazione, può trasformarsi nel principale atto di (auto)accusa qualora si decidesse di intrattenere relazioni “clandestine” (basta che il telefono finisca nelle mani del partner).

Esiste un sistema, infatti, per riuscire a seguire le evoluzioni delle chat senza entrare in possesso direttamente delle chat del telefono del sospettato. Un metodo che, con l’avvento del nuovo aggiornamento di Whatsapp, diventerà anche più semplice.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp: i passaggi da seguire per segnalare un tentativo di truffa

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, fate attenzione: torna la clamorosa truffa del passato

Scappatella su Whatsapp? Basta un semplice trucco e addio segretezza…

Niente di straordinario in realtà. Il semplice backup di Web Whatsapp basta e avanza. In effetti, con un semplice dispositivo terzo, sarà possibile interagire direttamente con il Whatsapp Web del telefono già connesso. E, peraltro, leggendo direttamente conversazioni in tempo reale. Certo, meglio impiantare il tutto sul clima di fiducia reciproca. E va da sé che la potenzialità può essere sfruttata anche in altri ambiti, soprattutto lavorativo.

Ma è anche vero che i più gelosi potrebbero trovare estremamente vantaggioso questo sistema. Più nel concreto, un backup da “remoto” potrebbe consentire di accedere a contenuti anche qualora servissero per scopi innocenti (un vecchio messaggio con un’informazione importante ad esempio). Resta il fatto che Whatsapp continua ad adeguarsi ai tempi. A breve, peraltro, l’estensione desktop consentirà anche l’applicazione delle videochiamate, finora non concessa. Un ulteriore passo avanti, soprattutto in ottica smartworking. Altro che gelosia.