Esistono delle monete che oggi valgono una vera e propria fortuna. Entriamo nei dettagli e scopriamo di quali si tratta.

banconota soldi
Fonte: Pixabay

Nel 2002 vi è stato il definitivo cambio Lira-Euro, con tanti italiani che ancora oggi continuano a ricordare con affetto le tanto care vecchie lire. Molte di queste, nel corso degli anni, hanno preso un valore incredibile e un recente studio ha individuato una moneta che, se posseduta, consente ad oggi di guadagnare un sacco di soldi.

In tal senso è bene ricordare che non esiste un valore unico, in quanto varia a seconda di vari fattori, quali ad esempio la rarità, l’eventuale presenza di errori e così via. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo qual è la moneta che potrebbe fare la fortuna del suo possessore.

LEGGI ANCHE >>>  Lire in banconote o monete: se le avete ancora potreste diventare ricchi

LEGGI ANCHE >>> Natale col botto! Se hai ancora queste lire in casa sei ricco

Lire, le monete che valgono più di 200 mila euro: ecco quali sono

100 Lire Minerva prova
Fonte foto: web

Nonostante siano passati quasi venti anni dall’introduzione dell’Euro, sono in molti a ricordare le vecchie Lire, spesso rimpiante per via di un differente potere d’acquisto rispetto all’attuale valuta. In tal senso bisogna sapere che vi è una moneta che se posseduta, ancora oggi, consente di guadagnare un bel po’ di soldi. Si tratta di una tipologia di vecchie 100 lire che possono valere addirittura più di 200 mila euro.

Sono le 100 Lire Minerva, una moneta introvabile, la cui versione di prova è stata coniata nel 1954 e dichiarata non da collezione. Proprio per questo motivo il suo valore, ad oggi, è davvero molto alto. A rendere unica questa moneta è la presenza della dicitura “prova” in basso a destra dal lato del rovescio. Ma non solo, si tratta della prima moneta da 100 lire ad essere stata coniata e ad essere stata messa in circolazione.

Le 100 lire Minerva sono state prodotte fino al 1989. Proprio in questo anno si è passato al secondo tipo che ad oggi ha un valore di poco più di due euro. La prima, ricordiamo, era stata coniata in Acmonital e presentava un contorno rigato con un peso di 8 grammi e diametro di 27,8 mm.