La Commissione Biliancio della Camera ha approvato un nuovo beneficio: il bonus mobili. In cosa consiste? Ecco, come ottenerlo.

bonus mobili 1600 euro
Fonte Pixabay

La commissione Bilancio della Camera, ha da poco approvato il del bonus mobili. Con detto bonus, infatti, si potrà beneficiare fino a 1.600 euro all’anno per un massimo di 16.000 euro.

Il beneficio è rivolto a tutti i soggetto che stanno effettuando lavori edilizi e potranno farne richiesta nella dichiarazione dei redditi, al rigo E57 del 730/2021.

Rientrano nel concetto di lavori edilizi, al fine di ottenere il bonus:

  • i lavori di manutenzione straordinaria;
  • le opere di ristrutturazione edilizia;
  • gli interventi di restauro e di risanamento conservativo.

Il bonus potrà essere richiesto solo ulteriori due condizioni:

  • che sia stato dato inizio agli interventi edilizi prima dell’acquisto degli elettrodomestici e dei mobili;
  • che il contribuente abbia usufruito della detrazione fiscale corrispondente per i suddetti lavori come da rigo E41 del Modello 730.

LEGGI ANCHE >>> Natale col botto! Se hai ancora queste lire in casa sei ricco

Bonus mobili: quali complementi di arredo rientrano nel beneficio?

Le tipologie di mobili principali che rientrano nella detrazione del Bonus Mobili sono due:

  • arredi per la casa come cucine, tavoli, credenze, divani, poltrone, armadi, librerie, letti, materassi ecc.;
  • grandi elettrodomestici, quali stufe elettriche, frigoriferi, forni a microonde, piani cottura, lavatrici e asciugartici, ventilatori elettrici che rientrino nella classe energetica A+ o maggiore.

Attenzione, però: forni e lavasciuga, non rientrano nella detrazione seppur con classe energetica A.

Sono esclusi dal Bonus Mobili i piccoli elettrodomestici come asciugacapelli, frullatori, tostapane, ecc. Non rientrano nel bonus, le porte interne, le pavimentazioni e i tendaggi per la casa.

Con il Bonus Mobili non si può beneficiare della cessione del credito e dello sconto in fattura.

L’importo complessivo di 16 mila euro valido ai fini della detrazione fiscale, inoltre, deve essere calcolato tenendo conto anche di eventuali spese di trasporto e montaggio.

I pagamenti possono essere effettuati esclusivamente con mezzi di pagamento tracciabili, quindi tramite bonifico o carta di credito o debito.

È tassativo conservare, l’attestazione del pagamento e le relative fatture d’acquisto con l’indicazione della natura, la qualità e la quantità di beni e servizi acquistati.