Con il cashback si può ottenere il rimborso del 10% sul pagamento delle bollette di luce e gas. Come fare per ottenerlo?

cashback bollette
Fonte pixabay

Al momento sono circa 5 i milioni di italiani già iscritti al programma per ottenere l’extra cashback di Natale, rimborso fino a 150 euro per gli acquisti effettuati con carte e app a dicembre.

Il cashback è valido per gli acquisti effettuati sul territorio nazionale con i metodi di pagamento elettronico attivati dagli aderenti all’iniziativa tramite l’app Io o le piattaforme degli operatori che collaborano al piano Italia Cashless, come Poste Italiane e Satispay.

Un risparmio sul pagamento delle utenze domestiche di luce e gas avrebbe un impatto rilevante sul bilancio per moltissime famiglie italiane.

Con il cashback è possibile ottenere il rimborso del 10% sulle bollette di luce e gas.

Ovviamente, non potrà godere del rimborso il consumatore che paga con addebito su conto corrente o carta di credito.

Come fare per ottenere questo rimborso?

LEGGI ANCHE >>> Buoni fruttiferi postali, più vantaggi o rischi? La chiave è il risparmio

Cashback e bollette: come ottenere il rimborso del 10%

Il primo step da fare per ottenere un risparmio del 10% sulle bollette di luce e gas è quello di: essere titolari del conto corrente online Enel X Financial Service.

I correntisti Enel possono beneficiare del bonus cashback, come? Bisogna possedere il conto online Enel ed effettuare il pagamento in un negozio “Punto Puoi”.

Nello specifico, il conto online di Enel X Financial Services permette di ottenere il bonus del Governo sugli acquisti effettuati in modalità elettronica, senza bisogno di autenticarsi con SPID o CIE sull’app IO, e di far rientrare tra le spese oggetto di rimborso anche il pagamento delle bollette di luce e gas, saldate nei punti vendita della rete “Punto Puoi di Enel X”.

Chi desidera invece ulteriori informazioni sull’attribuzione del rimborso può consultare direttamente le disposizioni presenti nel Decreto legislativo 156/2020.

In esso troverete dettagli sulle spese e sugli acquisti che danno immediatamente diritto alle “misure premiali” che il Governo garantisce a chi privilegia pagamenti elettronici.