App sbagliate e pure a pagamento: tanti italiani non hanno fatto attenzione nella corsa al cashback, e voi avete scaricato la corretta?

Cashback, attenti all'app a pagamento: è quella sbagliata
Cashback (Fonte foto: web)

Tra le applicazioni dell’App Store di Apple, al primo posto della categoria ‘utility’, troviamo Cashback di Stato – Italia, app a pagamento, per cui spenderemmo 0,99 euro. Un’altra app dal nome simile, Cashback di Stato Italia App invece, si trova al sesto posto della stessa classifica e si fa pagare 0,49 euro.

Qual è il problema? Che in tanti credono sia effettivamente legata al casback di Stato, ma non è così. Non solo, ma le loro funzioni sono anche molto poche e potrebbero aiutarci in minimo modo. Servono al massimo a calcolare l’ammontare del 10% di una qualunqua cifra, come potremmo fare con una calcolatrice comune.

In tanti, leggendo le parole Cashback e Stato, sono infatti caduti in inganno ed hanno persino pagato, per scaricare app, che non erano quelle legate davvero al bonus statale. Lì, serve la App Io, che tra l’altro è gratuita.

Leggi anche>>> Cashback con Amazon? Si può fare e in poche mosse…

Leggi anche>>> Cashback, giusto fermarlo per evitare la terza ondata covid?

Chiarimenti per chi non ha capito come funziona il cashback

Affrettatevi a scaricare innanzitutto l’app giusta, visto che dall’8 dicembre al 31 dello stesso mese, il governo si porta avanti con l’Extra Cashback di Natale, prima della reale data di inizio del primo gennaio 2021. I cittadini italiani aventi diritto, devono affrontare spese solo in bancomat, Satispay, carte di credito e carte di debito, per poter ottenere il 10% del rimborso sulle spese effettuate nei negozi, per un massimale di 150 euro.

Per questo speciale bonus, bisogna essere dotati di Spid o di Carta d’identità elettronica, ed appunto, utilizzare il tutto grazie all’App Io, unica per accedere a tutti i servizi digitali della Pubblica Amministrazione.

Infine, bisogna ancora effettivamente attivare il Cashback, per entrare a far parte del piano governativo. Attraverso Io, quindi, attiveremo le nostre carte di pagamento, e poi indicare il codice IBAN del cc dove vogliamo ricevere il rimborso. Questa, l’applicazione dello Stato che traccerà i pagamenti effettuati, che ci faranno avere diritto quindi al rimborso.