Bonus cashback, il regalo agli italiani che ha fatto andare in tilt l’App Io, ecco come sfruttarlo per avere ben 1.800 euro

cashback
adobe stock

Dai dati comunicati, già 2,3 milioni di utenti, hanno fatto accesso al super cashback di Natale, un afflusso così alto che ha letteralmente mandato in tilt la app di riferimento, Io. Già ampiamente spiegato come funziona, soprattutto che valgono solo i pagamenti fisici e non quelli online, gli italiani vorrebbero sapere come ricavarne il massimo.

Dopo giorni, l’App Io, di proprietà PagoPa, non dovrebbe dare più problemi, quelli legati al grandissimo flusso iniziale. Utenti, si sono ritrovati a leggere scritte come  “Alcuni metodi di autenticazione potrebbero rispondere lentamente, in caso riprova”, sembra che il sistema abbia dato maggiori problemi con le carte Visa e Mastercard, ma ora dovrebbe essere tutto aggiustato.

Leggi anche >>> Cashback, attenti a cosa acquistiamo: la fregatura dietro l’angolo

Leggi anche >>> Cashback: per le spese mediche il rimborso sale al 29%

Come ottenere il massimo con il Cashback

Ma allora è possibile raggiungere quasi duemila euro di bonus, grazie al cashback di Stato? Una volta rispettate correttamente tutte le credenziali, ed aver evitato gli ostacoli, facciamo due calcoli. A tanti sfugge, che il bonus cashback attivato singolarmente da ogni persona in casa, può essere cumulabile in famiglia.

Se in famiglia siamo in 4, tutti maggiorenni, ed ognuno ha un proprio conto corrente personale, ecco che il cashback potrà fruttarci fino a 1.800 euro. È presto detto il come: ogni componente della famiglia può avere il diritto ad un rimborso di 150 euro sui propri acquisti con carta, e già entro il 2020, avremo indietro i primi 600 euro.

Il valore del cashback di Stato poi, farà il resto. Infatti il suo valore è di 300 euro di rimborsi che arriverebbero nel 2021, e se moltiplicato per 4, fa 1.200. Prima dell’arrivo del 2022 quindi, una famiglia di quattro persone, potrà aver accumulato ben 1.800 euro grazie al bonus pensato per i movimenti cashless, per favorire la regolarità delle vendite.