Vi sono delle malattie, che colpiscono alcune persone, alle quali l’INPS riconosce subito e senza limiti di reddito una indennità di 515 euro al mese. Quali?

inps indennità malattie
Fonte Facebook – Blogo

La Legge 448/2001, in tema di maggiorazione fiscale, ha istituito l’indennità per lavoratori affetti da alcune malattie, in particolare la talassemia major e drepanocitosi.

La talassemia è una grave forma di Beta talassemia (BT) a esordio precoce con grave anemia, che richiede regolari emotrasfusioni, mentre la drepanocitosi è una malattia emolitiche che produce tre sintomi acuti: grave anemia, gravi infezioni batteriche e accidenti ischemici vaso-occlusivi (AVO), secondari alla incompatibilità del transito dei globuli rossi drepanocitici nei piccoli vasi.

In questi casi, l’INPS riconosce una indennità mensile il cui valore per l’anno 2020 corrisponde a 515,07 euro al mese.

Successivamente, grazie alla Legge 350/03, questa indennità è stata estesa anche a coloro che soffrono di talassemia intermedia.

Si tratta di un’anemia congenita che non necessita di trasfusioni regolari e continuative ma le rasfusioni occasionali possono essere necessarie per gestire eventi acuti che causano riduzione improvvisa del valore di emoglobina.

Con la talassemia intermedia l’indennità è riconosciuta solo nella misura in cui i pazienti stiano subendo un trattamento trasfusionale o con idrossiurea. Tale indennità rappresenta una forma di sostegno al reddito del  contribuente che versa in tale stato patologico specifico.

LEGGI ANCHE >>>Decessi Covid: dati spaventosi, soprattutto al Nord

Legge 448/2001: le condizioni per farsi riconoscere l’indennità immediata all’Inps

Bonus covid 1000 euro
Photo by Markus Spiske on Unsplash

Per farsi riconoscere immeditamente l’indennità, l’Istituto di Previdenza Sociale, oltre alla diagnosi clinica, occorre presentare alcuni determinati requisiti di tipo anagrafico e reddituale:

  • occorre possedere una anzianità contributiva pari ad almeno 10 anni;
  •  una età anagrafica di almeno 35 anni.

Si tratta di un indennità che si presenta come forma di sostegno al reddito e ciò significa che è cumulabile con qualsiasi tipo di reddito o pensione.

Inoltre, l’indennità è compatibile con qualsiasi altra prestazione di tipo previdenziale e non si prevedono limiti di reddito per la corresponsione della stessa.

Tale indennità è esente dall’imposta IRPEF.

Una volta accettata la domanda di indennità dall’Inps, il contribuente potrà beneficiare dell’assegno INPS per un totale di 13 mensilità annue.

LEGGI ANCHE >>> Piano vaccini contro Coronavirus: ecco il piano del Ministro Speranza