Elisabetta Gregoraci, concorrente del Grande Fratello Vip, ha sempre fatto parlare per il suo discusso matrimonio con il suo ex Flavio Briatore. Ma quanto guadagna la Gregoraci tra ospitate TV e mantenimento?elisabetta gregoraci

Elisabetta Gregoraci è nata l’8 febbraio 1980 a Soverato, in provincia di Catanzaro, la Gregoraci vince nel 1997 il titolo di Miss Calabria e partecipa a Miss Italia. Il concorso di bellezza fa da trampolino di lancio alla sua carriera nel mondo della moda e delle passerelle, arrivando a sfilare anche per Armani e Dolce e Gabbana.

Tra la fine degli anni ‘90 e i primi anni 2000, Elisabetta recita in diverse fiction, tra cui Un medico in famiglia, e apparendo sul grande schermo nei film Il Cielo in una stanza di Carlo Vanzina e C’era un cinese in coma di Carlo Verdone.

Elisabetta trova però il suo habitat naturale nella partecipazione a programmi televisivi Made in Sud e Stasera tutto è possibile, nelle edizioni condotte da Amadeus.

LEGGI ANCHE >>> Ferrari, accelera lo screening con tamponi rapidi

Elisabetta Gregoraci: ecco quanto guandagna l’ex moglie di Flavio Briatore

I cachet, al Grande fratello Vip, variano a seconda della popolarità del personaggio. Elisabetta Gregoraci dovrebbe ricevere un cachet settimanale che va dai 10.000 ai 20.000 euro a cui si aggiungono più di 8.000 euro a puntata per le ospitate in studio.

Senza contare la possibilità di vincere montepremi di 100.000 euro, di cui metà da devolvere in beneficenza.

Elisabetta Gregoraci, per quanto riguarda l’accordo milionario con Flavio Briatore stipulato per la fine del loro matrimonio ha ottenuto diverse possibilitò.

La Gregoracci, ad oggi, abita con il figlio nel suo appartamento a Montecarlo interamente sostenuto dall’ex marito. Ha anche ricevuto anche un attico di proprietà a Roma dove si reca quando è nella Capitale per lavoro, insieme ad un assegno mensile. Inoltre, è rimasta in possesso delle quote di alcuni locali dell’ex consorte, come il celebre Billionaire, il Twiga e altri ancora.

LEGGI ANCHE >>> La sostenibilità come chiave per uscire prima dalla crisi