Bonus bici, riparte da oggi la pre-registrazione per ottenere il rimborso per l’acquisto dei veicoli non inquinanti. Tutte i dettagli della vicenda.

bonus bici
Image by volkan ugur from Pixabay

Bonus bici, dopo il caos del clickday il ministero cerca di raffreddare gli animi e annuncia la riapertura dei termini. Sono molti, infatti, i cittadini che sono rimasti fuori dalla possibilità di ristoro dalla prima fase di registrazione al portale del ministero e dalla possibilità quindi di ottenere il rimborso per l’acquisto effettuato.

Così, a partire dal 9 novembre e fino al 9 dicembre, chi non è riuscito a ottenere il ristoro attraverso la piattaforma www.buonomobilita.it, potrà pre-registrarsi al portale e caricare i propri dati.

La pre-registrazione non dà diritto ad alcun beneficio, serve al Ministero dell’ambiente al fine di quantificare le risorse per un puntuale rifinanziamento del Programma Sperimentale Buono Mobilità .

È possibile pre-registrarsi a partire dalle ore 9:00 del 9 novembre 2020 e fino al 9 dicembre 2020

LEGGI ANCHE >>> Bonus mobilità: ecco il click day. Ma sito in tilt. Ira di Costa

Bonus bici, la sorpresa del ministero per ottenere il rimborso

bonus bici
Image by Andrzej Rembowski from Pixabay

Dal 9 novembre e fino al 9 dicembre, chi non è riuscito a ottenere il ristoro attraverso la piattaforma www.buonomobilita.it, potrà registrarsi al portale e caricare i propri dati.

Dal 10 dicembre sarà possibile quindi conoscere la platea dei cittadini e cittadine che, pur avendo fattura o scontrino parlante non sono riusciti a ottenere ristoro.

Apertura anche per chi non ha ancora acquistato un mezzo e vorrà farlo nei prossimi mesi. “Da gennaio – spiega il ministro Costa– potranno usufruire dei vecchi benefici rottamando un veicolo più inquinante”.

Ricordiamo che sarà possibile ottenere buoni per bici, elettriche e non, monopattini elettrici o veicoli simili. Ma anche per strumenti di mobilità condivisa a uso individuale, come lo sharing di bici, monopattini e scooter. Una misura introdotta dal Ministero dell’Ambiente nel Decreto Rilancio, con l’obiettivo di incentivare la mobilità privata ecosostenibile.

Il buono potrà coprire il 60% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 500 euro. Potrà essere richiesto dai cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione (anche sotto i 50.000 abitanti), nei capoluoghi di Provincia (anche sotto i 50.000 abitanti). Ma anche nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti e nei Comuni delle città metropolitane (anche al di sotto dei 50.000 abitanti).

Per ottenere il rimborso occorrerà possedere lo scontrino parlante o la fattura. Chi deve ancora effettuare un acquisto, potrà emettere il buono da presentare al venditore, della validità di 30 giorni dall’emissione tramite piattaforma.

LEGGI ANCHE >>> Bonus 800 euro sport, ecco la procedura per richiedere l’indennità