La direttiva PSD2 a un anno dalla piena attuazione delle regole che governano l’accesso alle informazioni sui conti correnti: ecco uno dei temi analizzati al Salone dei Pagamenti di Abi.

Conti correnti
Image by Gerd Altmann from Pixabay

L’open banking, l’economia dei dati e i nuovi servizi digitali; l’open innovation e le tecnologie applicate ai pagamenti di ultima generazione. Ma soprattutto la direttiva PSD2 a un anno dalla piena attuazione delle regole che governano l’accesso alle informazioni sui conti correnti. Legato a ciò anche la comunicazione sicura tra prestatori di servizi di pagamento.

Questi i principali temi al centro dei lavori del Salone dei Pagamenti, l’evento tutto digitale promosso da ABI e organizzato da ABI servizi.

LEGGI ANCHE >>> Smart working nella PA: cittadini e dipendenti approvano il cambiamento

Info sui conti correnti, le regole di accesso ai dati. Quali garanzie per l’utente?

Conti correnti
Image by Gerd Altmann from Pixabay

Tra le tante tematiche affrontate al Salone dei Pagamenti di Abi risaltano i bonifici istantanei, l’euro digitale, passando per open banking. Ma anche i servizi sempre più evoluti grazie a biometria, blockchain e Big Data. E primariamente la strategia per i pagamenti al dettaglio della Commissione europea. Così come i nuovi standard e la regolamentazione alla luce della piena attuazione dell’autenticazione del cliente prevista dalla Direttiva europea PSD2.

“La direttiva PSD2 – ha detto Giovanni Sabatini, dg Abi– è la madre dell’open banking e del nuovo paradigma che l’accesso aperto ai dati sta affermando, non solo nell’innovazione degli strumenti e dei servizi finanziari, ma anche nell’evoluzione della relazione con i clienti e con gli altri operatori”

Per Sabatini:”Il prossimo passo è estendere il concetto di accesso aperto ai dati, avviato e regolato nell’ambito dei servizi di pagamento, a tutti i settori economici del mercato unico digitale. Per sviluppare un’economia basata su dati aperti e interoperabili, in cui tutti gli attori possano scambiare in modo reciproco e paritetico i dati di cui dispongono, con l’obiettivo di offrire servizi nuovi e sempre più evoluti a vantaggio dei consumatori e delle imprese”.

“La pandemia – ha detto il Presidente Abi Patuelli – sta modificando profondamente la vita di tutti noi. Sul fronte dei pagamenti, accelera la trasformazione culturale e il cambiamento delle abitudini degli italiani, favorendo l’utilizzo di carte e strumenti digitali più evoluti, come il contactless e i pagamenti tramite smartphone”.

LEGGI ANCHE >>> Smart working nella PA: cittadini e dipendenti approvano il cambiamento