Allarme turismo. Le associazioni di categoria parlano di settore “travolto” dalle misure restrittive per il contrasto alla diffusione del Covid.

Allarme turismo
Image by larahcv from Pixabay

Un forte grido di allarme si eleva dalle associazioni rappresentative del turismo. Parlano di settore “travolto” sin dal primo lockdown di febbraio. E anche di un lockdown “nei fatti”.

Chiedono al Governo interventi urgenti e indifferibili per salvare 13.000 aziende con 20 miliardi di fatturato e 80.000 posti di lavoro dell’indotto.

AIDIT Federturismo Confindustria, ASTOI Confindustria Viaggi, ASSOVIAGGI Confesercenti, FIAVET e FTO Confcommercio stigmatizzano la decisione della Farnesina di sconsigliare viaggi.

L’incoming, l’outgoing, i viaggi d’affari, il turismo invernale, l’organizzazione di eventi e il turismo scolastico sono stati travolti fin dallo scorso mese di febbraio dalle misure restrittive anti Covid.

LEGGI ANCHE>>> Un nuovo lockdown? Occupazione ed economia da brividi per il turismo

Associazioni turismo in allarme: “Siamo in un lockdown nei fatti”

Allarme turismo
Image by Jan Vašek from Pixabay

Il “lockdown” è nei fatti: non c’è la domanda e non ci sono prodotti da offrire spiegano le organizzazioni di categoria. Insomma, in un mercato dove non c’è richiesta anche se si resta operativi non si lavora e non si guadagna.

Le stesse chiedono che il Governo adotti questi provvedimenti:

– un rifinanziamento del fondo perduto per assicurare alle imprese un parziale ristoro delle perdite registrate anche per il periodo agosto – dicembre 2020;

– ottenere dall’UE l’autorizzazione allo sforamento del “Temporary Framework” per consentire anche alle aziende del Settore di maggiori dimensioni di avere accesso a forme di sostegno senza incorrere nel c.d. “aiuto di stato”;

– includere le agenzie di viaggi e i tour operator tra i beneficiari del tax credit affitti, sospensione del versamento dei contributi previdenziali e seconda rata IMU.

incrementare il fondo di soli 5 milioni di euro istituito per l’indennizzo dei consumatori titolari di voucher non utilizzati alla scadenza di validità  e non  rimborsati a causa dell’insolvenza o del fallimento degli operatori turistici.

–  estendere gli ammortizzatori sociali a favore dei lavoratori del settore fino almeno al mese di giugno 2021.

AIDIT, ASTOI, ASSOVIAGGI, FIAVET e FTO ricordano che in assenza di interventi concreti e tempestivi a sostegno del comparto il rischio è di consegnare le leve strategiche della gestione e dell’indirizzamento dei flussi turistici da e per il nostro Paese nelle mani di pochi grandi operatori stranieri, perdendone definitivamente ogni controllo.

LEGGI ANCHE>>> Un nuovo lockdown? Occupazione ed economia da brividi per il turismo