La fideiussione è la garanzia dei debiti di un soggetto da parte di un altro soggetto. In pratica, una banca o ente governativo si assume la responsabilità di pagare il debito nel caso in cui il debitore sia inadempiente o non sia in grado di effettuare i pagamenti. La parte che garantisce il debito viene definita fideiussore o garante.

La fideiussione è più comune nei contratti in cui una parte si chiede se la controparte nel contratto sarà in grado di soddisfare tutti i requisiti. La parte può richiedere alla controparte di presentare un fideiussore al fine di ridurre il rischio, con il fideiussore che stipula un contratto di fideiussione. Ciò ha lo scopo di ridurre il rischio per il creditore, che potrebbe, a sua volta, abbassare i tassi di interesse per il mutuatario. Una fideiussione può essere sotto forma di “cauzione”.

Una cauzione è un contratto legalmente vincolante stipulato da tre parti: il debitore, il creditore e il fideiussore. Il creditore richiede al preponente, in genere un imprenditore o un appaltatore, di ottenere una cauzione a garanzia delle prestazioni lavorative future. La fideiussione è la società che fornisce una linea di credito per garantire il pagamento di qualsiasi sinistro. La fideiussione fornisce la garanzia finanziaria al creditore che il debitore adempirà ai propri obblighi.

Gli obblighi di un preponente potrebbero significare il rispetto delle leggi e dei regolamenti statali relativi a una specifica licenza commerciale o il rispetto dei termini di un contratto di costruzione. Se il debitore non riesce a consegnare secondo i termini del contratto stipulato con il creditore, quest’ultimo ha il diritto di presentare un reclamo contro l’obbligazione per recuperare eventuali danni o perdite subite. Se il reclamo è valido, la società di fideiussione pagherà il risarcimento, il quale non può superare l’importo dell’obbligazione.