Uno scudo fiscale è una riduzione del reddito imponibile utilizzando detrazioni ammissibili. In poche parole, è l’utilizzo deliberato delle spese tassabili per compensare il reddito imponibile. Gli scudi fiscali sono utilizzati per il risparmio fiscale sulle dichiarazioni dei redditi sia personali che commerciali.

Alcuni esempi di scudo fiscale

Gli scudi fiscali comportano investimenti e acquisti deducibili dalle tasse. Alcuni esempi comuni includono:

Detrazioni per spese mediche. Se sono superiori alla detrazione standard, le spese in eccesso sono deducibili dalle tasse.

Detrazioni sulla beneficenza per privati ​​e aziende. La donazione per beneficenza è una spesa deducibile sia per gli individui che per le imprese. Affinché una persona deduca una detrazione fiscale su di essa, deve dettagliarla. Le società possono includere donazioni per beneficenza con alcuni limiti e restrizioni.

Un’ipoteca è un classico scudo fiscale sia per gli individui che per le imprese. Non è però deducibile l’importo del pagamento del mutuo.

Le aziende possono sostenere una spesa di ammortamento per l’acquisto di immobili commerciali, compresi attrezzature, mobili, infissi e veicoli (ma non terreni). L’ammortamento è fondamentalmente un modo per distribuire le spese di acquisto di un’attività commerciale lungo la vita di tale attività.

In che modo uno scudo fiscale fa risparmiare sulle tasse?

Gli scudi fiscali fanno parte di una strategia finanziaria globale. Come persona o azienda, è possibile ottenere detrazioni fiscali per determinati tipi di acquisti e attività.

Ad esempio, un’azienda sta decidendo se affittare un edificio o acquistarlo. Ottenere un mutuo per l’acquisto di un edificio creerebbe uno scudo fiscale poiché gli interessi sui mutui sono deducibili. Se l’azienda inserisce il beneficio dello scudo fiscale del mutuo, potrebbe rendere la decisione più semplice.