La Commissione europea ha lanciato il suo avvertimento: i turisti che dall’Europa andranno nel Regno Unito e viceversa devono essere coperti da un piano assicurativo privato nell’eventualità di un Brexit senza contratto. Ciò perché una copertura statale non sarà più possibile per chi non sta vivendo o vissuto o lavorato sia in Gran Bretagna che nell’UE.

In attesa del vertice per scongiurare una Brexit senza accordo, il Parlamento europeo e il Consiglio dell’UE hanno concordato che i cittadini europei che hanno vissuto nel Regno Unito devono avere il diritto di pagare o ricevere le loro pensioni, nonché l’assicurazione sanitaria fornita dallo stato, almeno fino a quando il Regno Unito non uscirà dall’UE. La Commissione ora chiede anche all’Eu-27 di andare oltre e offrire ai propri cittadini che vivono nel Regno Unito maggiori diritti per utilizzare il sistema di sicurezza sociale dei loro paesi d’origine.

Marianne Thyssen, commissario europeo per gli Affari Sociali, ha dichiarato: “Abbiamo raccomandato agli Stati membri di adottare misure nazionali unilaterali per continuare a erogare pensioni alle persone che vivono nel Regno Unito e fornire le cure adeguate. La Commissione invita quindi gli Stati membri dell’UE a raggiungere i loro accordi con il Regno Unito, che alcuni paesi già hanno”.

Tuttavia, i cittadini dell’UE che visitano il Regno Unito come turisti non riceveranno più il diritto alla copertura sanitaria generale, poiché la loro tessera europea di assicurazione malattia non sarà più valida.

La Thyssen ha esortato sia i cittadini dell’UE che quelli del Regno Unito ad informarsi tramite la hotline europea sulla questione. “I nostri piani di emergenza non possono sostituire l’accordo di uscita”, ha affermato, riconoscendo l’impatto negativo della Brexit sulla mobilità europea.

“Purtroppo non andrà tutto nel verso giusto”, ha concluso la Thyssen, “ma cercheremo di mitigare l’impatto negativo di una Brexit” senza accordo. “Ritengo che l’accordo di revoca sia il risultato da auspicare per tutte le parti interessate, ma l’UE metterà i cittadini prima di ogni altra cosa, a prescindere dallo scenario che si paleserà”.