Il reddito di cittadinanza, come è ormai stato ribadito più e più volte, verrà erogato sotto forma di card prepagata, ma c’è una novità arrivata proprio nelle ultime ore: se il reddito di cittadinanza proseguirà su questa linea, la pensione di cittadinanza verrà invece corrisposta sotto forma di denaro liquido. Un emendamento presentato nelle Commissioni Lavoro e Affari Sociali della Camera dei Deputati, infatti, punta proprio a far sì che la pensione di cittadinanza sia erogata con le “modalità ordinarie di erogazione delle pensioni e non tramite la carta Rdc”.

Tuttavia questa non è l’unica novità che potrebbe cambiare la legge, perché altri emendamenti stanno cercando di rendere ancor più severi i requisiti per poter accedere al sussidio. Per esempio, è stato presentato un emendamento che vuol introdurre una stretta “volta a migliorare la selettività ai fini dell’accesso al reddito di cittadinanza” e che punta anche e soprattutto ad “evitare comportamenti opportunistici”.

Si vogliono colpire così i conviventi che cambiano il loro quadro anagrafico al solo scopo di ottenere il reddito, ma che nella realtà dei fatti continuano a vivere sotto lo stesso tetto. Così come si vogliono stanare le furberie che potrebbero essere messe in atto dai genitori single. Ecco quindi che l’emendamento punta a far sì che “i componenti di un nucleo familiare a fini Isee o ai fini anagrafici continuano a farne parte ai fini Isee anche a seguito di variazioni anagrafiche, qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione”.

Nel caso dei minorenni, invece, si stabilisce che “il genitore non convivente nel nucleo familiare, che non sia coniugato con l’altro genitore e che abbia riconosciuto il figlio, fa parte del nucleo familiare del figlio”.

Inoltre, le famiglie che entreranno di diritto tra i beneficiari del reddito di cittadinanza saranno titolate a richiedere degli sconti sulle bollette dell’acqua. Attualmente gli sconti sulle bollette sono già previsti per alcune categorie svantaggiate, ma la cosa riguarda per ora le sole utenze di luce e gas; con la proposta in questione, quindi, gli sconti arriveranno a riguardare anche il servizio idrico integrato.